Percorso:ANSA.it > Politica > News

Napolitano; carceri indegne, si' a amnistia e indulto

Capo dello Stato: 'Il loro stato ferisce la credibilita' dell'Italia'

28 settembre, 16:17
Detenuti in carcere
Detenuti in carcere
Napolitano; carceri indegne, si' a amnistia e indulto

Uno spettacolo "indegno" che "non fa onore all'Italia" e ne "ferisce la credibilità internazionale". E' senza sfumature la condanna di Giorgio Napolitano sullo stato delle carceri italiane. Come senza ambiguità sono le sue ricette: amnistia o indulto e pene alternative al carcere. Dati alla mano (ben 66.300 detenuti schiacciati in celle minuscole e con servizi medievali, un tasso di suicidi impressionante in strutture obsolete concepite per un massimo di 45.500 persone) il presidente della repubblica ha preso oggi carta e penna per una nota durissima dettata con l'emozione del ricordo di una sua visita nel carcere minorile di Nisida lo scorso anno. 'Il sovraffollamento carceri e' una vergogna per l'Italia. Non sono degne di essere umani le carcere sovraffollate", disse allora sgomento dopo il confronto con i giovani reclusi, quasi scusandosi per l'assenza di condizioni politiche utili a varare un'amnistia. C'era ancora il Governo Berlusconi e il confronto politico tra maggioranza ed opposizione era durissimo. Oggi è passato un anno esatto e la situazione delle carceri - se possibile - è peggiorata. E' migliorato invece il dialogo politico e il presidente può permettersi di essere incisivo, molto incisivo. Si muovano le Camere e prendano in esame la possibilità di "provvedimenti di clemenza", cioé amnistia o indulto. Si muovano le Camere e facciano rispettare il dettame costituzionale che vuole la detenzione come rieducazione e non pena fine a se stessa, ricorda il presidente subito dopo aver incontrato al Quirinale una delegazione di personalità di varia estrazione che gli hanno presentato una lettera aperta sul tema.

SEVERINO, REALISTICO NAPOLITANO SU MISURE CLEMENZA  - "Condivido pienamente le meditate parole del Presidente della Repubblica", perché credo "profondamente che le misure alternative" al carcere "possano essere una soluzione strutturale". Lo afferma il ministro della Giustizia Paola Severino, giudicando inoltre "realistico" il richiamo di Napolitano" sulle misure di clemenza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni