Percorso:ANSA.it > Associate > News

IL PROFILO - Criscito, baby azzurro all'estero per soldi

Allo Zenit con Spalletti, esordio in Nazionale nel 2009

28 maggio, 13:07
Domenico Criscito
Domenico Criscito
IL PROFILO - Criscito, baby azzurro all'estero per soldi

ROMA - All'estero si guadagna di piu'. Ha fatto esercizio di sincerita', Domenico Criscito, quando gli e' stato chiesto perche' mai fosse andato fino in Russia, lui che in nazionale ha il posto fisso come terzino sinistro. Stranezze del calcio italiano, certo. Sottolineate ancor di piu' quando il Napoli, per bocca di De Laurentiis, chiuse al suo trasferimento al San Paolo dicendo che per un napoletano e' piu' difficile giocare con quella maglia. Domenico Criscito, 'Mimmo' per gli amici anche a Genova, e' un classe '86. Ovvero uno di quei ragazzi chiamati a risollevare le sorti malandate del calcio azzurro. Nato a Cercola, alle pendici del Vesuvio, il 30 dicembre, Criscito, 1.83 per 75 chili, la faccia d'angelo e gli occhi azzurri da scugnizzo, non ha il 'physique du role' del difensore centrale. Ruolo al quale si trova relegato quando dopo l'approdo giovanissimo al Genoa la Juve lo prende e lo lancia nella serie A appena conquistata dopo Calciopoli. Servono due gol di Totti in un Roma-Juve finito 2-2 a far capire a tutti che quello di centrale non e' esattamente il suo ruolo. La stagione Juve va male, Criscito torna al Genoa gia' al mercato di gennaio, nel 2008, e con la maglia rossoblu' il ragazzo di Cercola ritrova se stesso. Anche perche' Gasperini lo ha definitivamente trasformato in un terzino sinistro, veloce e fisicamente solido, capace di giocare sia nelle difese classiche sia in quegli strani disegni tattici a meta' tra terzino e ala: il cosiddetto 3-5-2. Tra l'inizio 2008 e la fine della stagione 2011, sono due anni d'oro per Criscito. Che cresce di peso nell'Under 21, e conquista la nazionale maggiore. L'esordio e' il 12 agosto 2009, contro la Svizzera a Basilea. Anche lui, come Bonucci, partecipa alla disastrosa spedizione dei Mondiali 2010. E torna nel giro azzurro dopo una breve pausa, con Prandelli, a ottobre 2010. Fino a collezionare 25 convocazioni, 19 presenze ma senza gol. L'estate del 2011 nel frattempo diventa quella del trasferimento all'estero. Arriva lo Zenit San Pietroburgo, sono 11 milioni per il Genoa e 2,8 milioni di euro l'anno a stagione per il ragazzo di Cercola. Che accetta, e fara' la sua fortuna calcistica vincendo due scudetti con Spalletti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni