Percorso:ANSA.it > Associate > News

L'attentato di Brindisi rompicapo per gli inquirenti

20 maggio, 19:02
Gli inquirenti raccolgono alcuni libri davanti alla scuola Morvillo-Falcone di Brindisi
Gli inquirenti raccolgono alcuni libri davanti alla scuola Morvillo-Falcone di Brindisi
L'attentato di Brindisi rompicapo per gli inquirenti

degli inviati Matteo Guidelli e Paolo Melchiorre

"Non ha senso, non ha senso". Nelle parole di un investigatore esperto, uno di quelli che da anni dà la caccia ai mafiosi - e spesso li prende - c'è tutto lo sconcerto per un attentato che, a 12 ore di distanza, non ha alcun movente "credibile". Non ce l'ha per la criminalità organizzata locale, perché, come dice il procuratore di Lecce Cataldo Motta, i mafiosi "cercano consenso sociale". E' una bomba che scoppia davanti ad una scuola aliena ogni simpatia, se mai ce ne fosse, per certi soggetti.Ma al consenso puntano anche agli anarco-insurrezionalisti e dunque anche tentare di far ricadere le bombe di Brindisi in quel contesto è, parole di inquirenti e investigatori, "ipotesi che purtroppo non possiamo ancora escludere al cento per cento ma assai azzardata".

Insomma, l'esplosione davanti alla scuola 'Morvillo-Falcone' è un rompicapo che al momento gli investigatori non solo non hanno risolto ma faticano anche ad inquadrare. Dunque si fa come sempre in questi casi: si analizzano a testa bassa tutte le piste possibili - un'azione terroristica, un messaggio di un'organizzazione criminale che "alza il tiro" in risposta agli arresti dei giorni scorsi, un movente personale, un attentato sfuggito di mano a cani sciolti - e si va per esclusione.Allo stato, l'ipotesi più accreditata, resta quella della criminalità organizzata. Ma in che forme e con che modalità è tutto da capire. L'unica certezza, al momento, è l'ordigno: tre bombole di gas collegate tra loro con dei fili elettrici, piazzate vicino al muro della scuola in un cassonetto per la raccolta differenziata della carta. Una bomba sì rudimentale ma ad alto potenziale: dunque chi l'ha messa ha preso in considerazione la possibilità di uccidere. Anzi, forse l'obiettivo era proprio uccidere visto che il cassonetto dove erano posizionate le bombole - dicono sia il preside sia gli abitanti della zona - era sempre stato dall'altra parte della strada, decine di metri lontano da dove è esploso. Molto più complicato stabilire cosa ha innescato l'esplosione. Ed è su questo che si sta concentrando ora l'attenzione degli investigatori, perché da come è stata azionata la bomba si possono avere molte risposte. E le prime, non sono per nulla incoraggiati: non ci sarebbe traccia, come invece era stato ipotizzato in un primo momento, di un timer.Se così è, ragiona un investigatore, si deve escludere "l'errore", e cioè la bomba che scoppia prima - o dopo - l'orario stabilito. Ma c'è di più: sembrerebbe che gli investigatori abbiano trovato ad una decina di metri dai resti dell'ordigno una sorta di scheda sim, però non telefonica, un piccolo sistema elettrico.

Gli accertamenti per capire di cosa si tratti sono in corso, ma è evidente che se quella scheda ha a che fare con la bomba, allora non si può escludere che ad azionarla sia stato o un telecomando o comunque un sistema comandato a distanza. Dunque qualcosa che alza, e di molto, il livello dell'attentato.Le prime verifiche, inoltre, avrebbero escluso una voce che era circolata nel corso della giornata e cioè che sull'autobus c'era la figlia di un pentito. Anche le perquisizioni, scattate a tappeto, non avrebbero al momento dato esito positivo. Resta, invece, da chiare un'altra circostanza: fino a 3 giorni fa, nel punto in cui è stato piazzato il cassonetto, sostava un camioncino che vendeva frutta. Di quel mezzo si sono perse le tracce: c'è chi dice che se ne sia andato per le troppe multe prese dalla polizia municipale ma, di fatto, gli investigatori l'hanno cercato e non l'hanno ancora trovato. Per cercare di capire chi possa aver agito, magari qualcuno arrivato da fuori, polizia e carabinieri hanno anche acquisito le immagini delle telecamere a circuito chiuso piazzate nel sottopassaggio della stazione, che porta da piazza Crispi a via Torpisana. Analizzeranno i filmati degli ultimi 20 giorni, per non lasciare nulla di intentato. "E' un fatto anomalo e complesso - dice il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri, che a Brindisi ha incontrato gli inquirenti e gli investigatori, portando la solidarietà di Napolitano e Monti - certo colpisce che sia stata presa di mira una scuola intestata a Morvillo e Falcone. Ma bisogna essere equilibrati.Non si può pensare di militarizzare il territorio, serve più intelligence". Il ministro ha già inviato 200 uomini in più a Brindisi, 100 per il controllo del territorio e 100 per contribuire alle indagini, tra cui gli esperti di Sco e Ros. Lavoreranno tutti insieme con un solo obiettivo: prendere chi ha messo la bomba. "Non daremo loro tregua - sottolinea non a caso il capo della Polizia Antonio Manganelli - Li prenderemo e si pentiranno di questa nefandezza". Anche il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso ribadisce che " sono aperte tutte le ipotesi" e bisogna ancora capire se "è un crimine di stampo mafioso" o qualcosa che "mira a destabilizzare o a conservare la situazione esistente".

Quel che è chiaro, aggiunge, è che "qualunque sia la matrice dell'attentato, si tratta di un atto terroristico nel senso che è diretto a colpire persone innocenti e in maniera indiscriminata". "Provo orrore e raccapriccio - dice il ministro della Giustizia Paola Severino, che lunedì sarà a Brindisi per un vertice con la Cancellieri - è un'azione ingiustificabile. Tutte le piste sono buone, ma al momento non abbiamo nessuna certezza".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni