Percorso:ANSA.it > Associate > News

Berlusconi rammaricato per la 'botta' all'amico Umberto

'Vittima di una giustizia ad orologeria'. Ora Pdl si interroga sul dopo

05 aprile, 20:01
Berlusconi e Bossi
Berlusconi e Bossi
Berlusconi rammaricato per la 'botta' all'amico Umberto

ROMA  - Rammaricato per la bufera che ha colpito 'l'amico' Umberto tanto da arrivare a pensare che nulla sarà più come prima. Silvio Berlusconi, costantemente informato sulle notizie che arrivavano da Milano dove era riunito il consiglio federale della Lega concluso con le dimissioni del Senatur, sarebbe rimasto sorpreso, ma soprattutto umanamene molto dispiaciuto per colui che ha sempre considerato "il suo più fedele alleato".

Un Cavaliere profondamente amareggiato, è la descrizione fornita dai parlamentari che con lui hanno commentato tutta la vicenda che tra travolto il vertice leghista. Al di là del dispiacere però l'ex presidente del Consiglio avrebbe constatato senza tanto stupore che contro Bossi si è scatenata la solita giustizia ad orologeria: E' un film che conosco bene - sarebbe stato il ragionamento - dopo essersi accaniti contro di me, ora tocca ad Umberto. Guarda caso ad un mese dalle elezioni amministrative. Al turbamento del Cavaliere si aggiungono però i ragionamenti dentro il Pdl su come saranno ora gli equilibri ed i rapporti con la Lega Nord. I più cinici a via dell'Umuiltà sperano che il terremoto che ha travolto i lumbard possa avere ricadute positive in termini elettorali per il Pdl alle elezioni amministrative.

La speranza è che si riesca a drenare qualche voto dei delusi, anche se sondaggi alla mano, l'ipotesi che va per la maggiore è che i militanti delusi del Carroccio con i loro voti contribuiscano ad aumentare il consenso di quei partiti simbolo dell'antipolitica come il movimento di Beppe Grillo. Al di là delle elezioni amministrative però nel Pdl c'é già chi guarda oltre e attende le 'mosse' di Roberto Maroni, considerato dai pidiellini il segretario in pectore della Lega.

L'ex ministro dell'Interno, è il ragionamento di alcuni, si terrà fino alla fine le mani libere per cui recuperare l'alleanza non sarà così semplice. Non la pensano così alcuni dirigenti vicini anche al segretario Angelino Alfano. Anzi, è proprio sullo stretto rapporto che c'é tra i due, coltivato anche dall'esperienza insieme al governo, che nel Pdl si guarda nell'ottica di una possibile alleanza futura.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni