Percorso:ANSA.it > Associate > News

Preparava attacco a treni Usa in decennale 11/9

06 maggio, 14:54
Bin Laden preparava attacchi
Bin Laden preparava attacchi
Preparava attacco a treni Usa in decennale 11/9

WASHINGTON - Al Qaida stava pensando di celebrare, alla sua maniera, con un nuovo attentato di morte, il decennale dell'11 settembre. Stavolta però il gruppo terrorista aveva in mente di manomettere dei treni in alcune località americane non ancora specificate, facendoli deragliare in modo spettacolare, magari mentre percorrevano un ponte o un viadotto. E' quanto emerge dai primi documenti sequestrati nel compound pakistano dove viveva ed è stato ucciso Osama Bin Laden. Secondo il sito della Abc, comunque, da una prima analisi di queste informazioni non emergono le prove di un pericolo specifico e imminente, di un complotto ai danni della sicurezza americana.

Tuttavia, è chiaro come il gruppo che faceva capo a Bin Laden manteneva le sue aspirazioni omicide. Soprattutto rimaneva concentrato nello studio di attentati nel settore dei trasporti, in quelli che gli esperti di terrorismo chiamano 'soft target'. In particolare, è stato riscontrato che nel febbraio 2010 al Qaida stava contemplando la possibilità di portare avanti un'operazione contro dei treni proprio in occasione del decennale dell'11 settembre, quindi fra qualche mese. Si pensava semplicemente a manomettere i binari in modo da provocare un deragliamento tragicamente spettacolare, magari lungo un viadotto o un ponte, in modo da amplificare sui media l'effetto terrorizzante per la popolazione americana e occidentale.

Ad ogni modo, il portavoce della Dhs, il Dipartimento della Sicurezza Interna, Matt Chandler ha ricordato che si tratta di un primo rapporto "ancora sommario e che potrà essere soggetto di cambiamenti". Per cui "malgrado ci sia un alto livello di vigilanza, non ci sono gli estremi per un allarme". "Non abbiamo alcun elemento per pensare a una minaccia terroristica imminente alla nostra rete ferroviaria, tuttavia - ha aggiunto Chandler - vogliamo avvisare i nostri partner del presunto complotto". Quello che però è certo e che il ritrovamento di questi documenti conferma come lo sceicco del terrore fosse ancora al centro delle attività terroristiche. Forse in modo un po' troppo precipitoso, subito dopo la sua fine, c'é stato chi s'era detto sicuro che non fosse più al corrente delle operazioni che contano. Secondo Richard Clarke, consulente della Abc sul tema dell'antiterrorismo, questi documenti dimostrano invece come Bin Laden fosse ancora la guida di al Qaida e come avesse ancora il ruolo di vagliare e approvare gli attentati, proprio come fece l'11 settembre del 2001.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni