Percorso:ANSA.it > Associate > News

Udienza preliminare senza Minetti, Mora e Fede

26 giugno, 22:35
Fede, Ruby, Nicole Minetti e Lele Mora
Fede, Ruby, Nicole Minetti e Lele Mora
Udienza preliminare senza Minetti, Mora e Fede

MILANO - Hanno deciso di non presentarsi all'udienza preliminare per il caso Ruby il direttore del Tg4 Emilio Fede, la consigliera regionale Nicole Minetti e l'agente dei vip Lele Mora che martedi' scorso e' stato arrestato per bancarotta fraudolenta aggravata per aver distratto dalla LM Management, la societa' fallita un anno fa, circa 8 milioni e mezzo di euro. Tutti e tre sono imputati per induzione e favoreggiamento della prostituzione, anche minorile, per le serate nella villa di Silvio Berlusconi ad Arcore.

L'udienza preliminare davanti al gup Maria Grazia Domanico comincera' sostanzialmente 'divisa' in due tronconi, quello del merito delle accuse e la parte che riguarda la trascrizione delle intercettazioni telefoniche. E' probabile, infatti, che dopo la costituzione delle parti sia trattata la questione delle telefonate. I procuratori aggiunti Ilda Boccassini e Pietro Forno e il pm Antonio Sangermano hanno chiesto infatti la nomina di un perito che trascriva le telefonate da utilizzare nell'udienza di merito. Davanti al gup i pm indicheranno le intercettazioni che devono essere trascritte e lo stesso faranno le difese, poi verra' dato il tempo al perito per effettuare la trascrizione. E' difficile dunque che si entri gia' da lunedi' nel merito della discussione.

Le difese, lunedi' o nella successiva udienza che potrebbe andare a dopo l'estate, potrebbero illustrare anche una serie di eccezioni, tra cui ad esempio quella sulla competenza territoriale dei magistrati milanesi, poiche' i presunti festini a luci rosse sarebbero avvenuti ad Arcore, che ricade sotto Monza. L'udienza preliminare a carico di Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti rappresenta uno stralcio dell'inchiesta su Ruby per la quale e' indagato, con l'accusa di concussione e prostituzione minorile, il presidente del consiglio Silvio Berlusconi. Per il premier, pero', la Procura di Milano aveva chiesto e ottenuto il giudizio immediato. Il 6 aprile scorso la prima udienza del processo e' durata una decina di minuti. Ruby Rubacuori non si e' costituita parte civile, cosi' come il Viminale e uno degli agenti presenti in Questura la sera tra il 27 e il 28 maggio, quando la ragazza venne trattenuta per via di un furto e 'liberata' dopo una telefonata del premier e una del suo caposcorta. Berlusconi non si e' mai presentato in Tribunale per questa vicenda e la prossima udienza e' fissata per il 18 luglio quando i giudici usciranno con l'ordinanza sulle eccezioni.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni