Percorso:ANSA.it > Associate > News

Consulta, fissato il 6/7 esame di ammissibilita'

Relatore Tesauro: 'Decisione nel merito solo in secondo tempo'

26 giugno, 21:51
Ruby
Ruby
Consulta, fissato il 6/7 esame di ammissibilita'

 ROMA - Il presidente facente funzioni della Corte Costituzionale, Paolo Maddalena, ha fissato al prossimo 6 luglio la Camera di Consiglio per decidere l'ammissibilita' del ricorso per conflitto di attribuzioni sollevato dalla Camera dei Deputati nei riguardi della magistratura di Milano sul caso Ruby.

Il relatore della causa, secondo quanto si e' appreso, sara' il giudice costituzionale Giuseppe Tesauro. Se passera' il primo vaglio di ammissibilita', il ricorso sara' deciso nel merito solo in un secondo momento, tra il prossimo autunno o inverno.

Come tutti i conflitti di attribuzione anche quello che riguarda il premier Silvio Berlusconi (chiamato a rispondere dinanzi alla IV Sezione del Tribunale di Milano di concussione prostituzione minorile) avverrà in due fasi per un tempo complessivo che mediamente impegna la Corte Costituzionale per un anno. Si comincerà dunque il prossimo 6 luglio con una preliminare verifica di ammissibilità (data per scontata in ambienti di palazzo della Consulta, dal momento che la Corte si limiterà a riconoscere come titolati i due poteri dello Stato che hanno avviato il braccio di ferro così come è accaduto recentemente anche per il caso Mastella) e proseguirà con il giudizio di merito. Tra un momento e l'altro della decisione passeranno inevitabilmente diversi mesi tenuto conto che almeno 60 giorni sono necessari alla notifica dell'ordinanza di ammissibilità.

Nel frattempo, andrebbe avanti il giudizio a carico di Berlusconi davanti al Tribunale di Milano sul caso Ruby. A meno che, dopo la preliminare ammissibilità del conflitto i giudici di Milano non ritengano opportuno sospendere, in attesa che la Consulta chiarisca definitivamente se spetti alla Camera o meno l'ultima parola sul potere di valutare la ministerialità di un reato. Il conflitto votato dalla Camera lo scorso 5 luglio è stato depositato ieri presso la Cancelleria della Corte Costituzionale ed è stato scritto dall'avvocato-parlamentare Roberto Nania. Nel ricorso di circa 40 pagine si chiede alla Corte Costituzionale di dichiarare che non spettava alla Procura di Milano indagare sul presidente del Consiglio e di procedere alla richiesta di giudizio immediato per il delitto di concussione senza aver prima trasmesso gli atti al tribunale per i reati ministeriali. In questo modo - viene sottolineato nel ricorso - si è precluso alla Camera di deputati l'esercizio delle proprie attribuzioni costituzionali previste dall'art. 96 dalla legge costituzionale n. 1 del 1999 relativa alle competenze del Collegio per i reati ministeriali. Alla Corte, infine, viene chiesto di stabilire che non spettava al gip del Tribunale di Milano procedere in via ordinaria e disporre il giudizio immediato nei confronti di Berlusconi, né tantomeno affermare la natura non ministeriale del reato di concussione a lui contestato. Con il conflitto, dunque, si chiede alla Consulta di annullare tutti gli atti compiuti dalla magistratura milanese, dalle indagini fino al decreto di giudizio immediato.

RICORSO CAMERA, DA PM IMPEDITO ESERCIZIO NOSTRI POTERI - "Omettendo di trasmettere gli atti al collegio per i reati ministeriali", la procura di Milano che ha messo sotto inchiesta il premier ha precluso alla Camera dei deputati "l'esercizio delle proprie attribuzioni costituzionali", previste dall'articolo 96 della Carta e dalla legge costituzionale 1 del 1989. E' la tesi sostenuta nel ricorso con cui, sollevando il conflitto di attribuzioni con i magistrati milanesi, la Camera dei deputati chiede alla Consulta di annullare tutti gli atti da loro compiuti nel procedimento sulla vicenda Ruby; e di dichiarare che "non spettava" alla procura milanese "avviare e esperire indagini nei confronti del presidente del Consiglio in carica, nonché procedere alla richiesta di giudizio immediato" per concussione. La stessa contestazione viene rivolta anche al gip del tribunale di Milano, al quale "non spettava" né "procedere per via ordinaria e emettere il decreto di giudizio immediato nei confronti del presidente del Consiglio", "né affermare la natura non ministeriale" del reato di concussione. Al giudice si rimprovera di non aver rilevato "la necessaria trasmissione degli atti al collegio per i reati ministeriali" , ma anche di non aver provveduto a che almeno "venisse data la dovuta comunicazione" alla Camera dei deputati. L'articolo 96 della Costituzione è quello che prevede che vi sia l'autorizzazione delle Camere per i procedimenti che riguardano il premier e i ministri per i reati commessi nell'esercizio delle loro funzioni.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni