Percorso:ANSA.it > Associate > News

Emergency, ospedale riapre senza condizioni

29 luglio, 15:15

Ha riaperto ed è già operativo dalle prime ore di questa mattina l'ospedale di Emergency a Lashkar-gah in Afghanistan, dopo che le autorità afgane hanno garantito autonomia totale alla Ong e rispetto della neutralità del Centro chirurgico. L'annuncio è stato dato ufficialmente oggi, nella sede milanese di Emergency, a oltre tre mesi dalla chiusura, avvenuta lo scorso aprile, quando la polizia afgana aveva prelevato membri dello staff, poi rilasciati perché del tutto innocenti. "Abbiamo ricevuto le scuse ufficiali del governo afgano per i fatti del 10 aprile - ha detto il fondatore di Emergency Gino Strada, in collegamento telefonico dall'Afghanistan -, le autorità si sono dette felici del ritorno di Emergency, ma sono soprattutto le persone a volere l'ospedale. Abbiamo ritrovato tutto il nostro staff, l'ospedale era insabbiato, ma non è stato toccato nulla".

DOSSIER CI DANNO RAGIONE - Non è sorpreso Gino Strada, e con lui lo staff di Emergency, per il contenuto dei dossier sull' Afghanistan resi pubblici da Wikileaks che tirano in ballo anche la Ong italiana, definendola "insopportabile" per gli Stati Uniti. "Dicevamo che con noi si tentava di eliminare un testimone scomodo e ora questa 'fuga di notizie' ci dà ragione" ha detto il fondatore Gino Strada, in collegamento telefonico dall' Afghanistan con la sede di Milano. Aver scoperto di essere "sotto osservazione" non è una grande sorpresa, continua Strada. Ma parlare di un collegamento diretto fra il ruolo scomodo della Ong e i fatti del 10 aprile "sarebbe di una gravità inaudita" ha commentato Cecilia Strada, presidente dell'organizzazione. "Non mi piace pensarla in questo modo e non voglio usare la parola complotto - ha aggiunto -, ma è anche vero che non ci sono tante chiavi di lettura e questa sarebbe una di quelle, è una possibilità che viene in mente a tutti". Con la riapertura dell'ospedale a Lashkar-gah e il prosieguo dell'attività di Emergency, ha concluso la Strada, "vedremo se é per questo che eravamo, siamo e saremo insopportabili".

Ciò che ha lasciato maggiormente stupito lo staff di Emergency dei dossier pubblicati da Wikileaks "é un altro documento in cui si parla di noi, relativo alla nostra struttura in Panshir" ha raccontato oggi Marco Garatti, uno degli operatori arrestati il 10 aprile. "In tale documento il direttore sanitario afgano si lamenta con le autorità americane che il nostro ospedale non ha un servizio di maternità - ha spiegato -, mentre in quel reparto vengono a partorire oltre 250 donne al mese, nel 60% dei casi da altre province, perché ne conoscono l'affidabilità". Non si lascia infastidire, in merito, il fondatore della Ong Gino Strada che, in collegamento telefonico dall'Afghanistan commenta: "Questo direttore è solo uno dei tanti papponi che cercano di spillare soldi agli americani, ogni guerra ha i suoi sciacalli, il guaio è che c'é chi li prende sul serio".

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni