Percorso:ANSA.it > Altri Sport > News

Motogp: Pedrosa vince davanti a Marquez, Rossi 4/o

Successi di Rabat e Salom in Moto 2 e Moto3

13 ottobre, 11:46
Dani Pedrosa
Dani Pedrosa
Motogp: Pedrosa vince davanti a Marquez, Rossi 4/o

Lo spagnolo Dani Pedrosa (Honda) ha vinto il Gran Premio di Malaysia classe MotoGp davanti al compagno di squadra Marc Marquez e ai due portacolori della Yamaha Jorge Lorenzo, terzo al traguardo, e Valentino Rossi, quarto. 
Pedrosa, che scattava dalla seconda fila, è riuscito a passare quasi tutti i suoi colleghi presentandosi alla prima curva in seconda posizione alle spalle di Lorenzo e successivamente è riuscito a prendere la testa della corsa senza lasciarla mai. Il ritmo del vincitore della gara è stato troppo forte anche per Marc Marquez, secondo al traguardo con 2,7 secondi di ritardo. Marquez è stato protagonista con Lorenzo di una serie di duelli serratissimi dal primo al sesto giro, quando il debuttante del mondiale è riuscito ad avere ragione del campione in carica. Per Valentino Rossi, quello della Malesia è il settimo quarto posto della stagione, con un ritardo importante nei confronti di Dani Pedrosa: oltre dieci secondi. Emozionante il giro di rientro di Rossi, fatto con la bandiera di Marco Simoncelli, l'amico scomparso due anni fa proprio a Sepang. Gara difficilissima, infine, per le Ducati. Su quattro moto schierate dalla casa di Borgo Panigale, solo due sono arrivate al traguardo, quelle di Andrea Dovizioso e di Yonny Hernandez. Andrea Iannone e Nicky Hayden hanno avuto, invece, problemi diversi. L'italiano non riusciva a guidare e l'americano ha rotto il motore. Il migliore tra i piloti Ducati, Dovizioso, conferma con il suo risultato il momento nero della "Rossa", arrivando al traguardo con 45,1 secondi di ritardo da Marquez. A punti, infine, è arrivato Claudio Corti (FTR-Kawasaki), grazie al suo 13/o posto. In classifica iridata, Marquez rimane in testa con 298 punti, seguito da Lorenzo (255) e da Pedrosa (244), mentre Rossi è quarto (198).

Rabat vince, gara Moto2 in due tempi - Lo spagnolo Esteve rabat (Kalex) ha vinto il Gp della Malesia classe Moto2. L'iberico ha dominato la gara, partendo in testa e gestendo i suoi avversari fino alla bandiera a scacchi. Per Rabat si tratta della seconda vittoria della stagione con partenza dalla pole position (la prima a Jerez), la terza nel 2013. Pol Espargarò (Kalex) arrivato, invece, alle spalle del compagno di squadra, in seconda posizione, facendo un notevole passo avanti nel mondiale. Il settimo posto del leader del mondiale Redding, passato in extremis del francese Johann Zarco (Suter), mette Espargarò a soli 9 punti di svantaggio dal britannico. Redding rimane in testa con 224 punti, ma Espargarò ha ora 215 punti. Completa il podio lo svizzero Thomas Luthi (Suter), bravissimo a insidiare Espargarò, ma non efficace nell'ultima parte della gara. Il migliore tra i piloti italiani è stato il romano Simone Corsi (SpeedUp), che ha chiuso 11/o, mentre non è andata bene per Mattia Pasini e Alex De Angelis (entrambi si SpeedUp). Il primo ha fatto un dritto al nono giro, il secondo è stato coinvolto in un contatto che lo ha fatto scivolare alla prima curva. La gara della Moto2 è stata svolta in due tempi. La prima gara è stata fermata dalla bandiera rossa per il terribile incidente che ha coinvolto 6 piloti. Il primo a scivolare è stato lo spagnolo Axel Pons, la cui moto è rimasta al centro della pista, centrata poi dal pilota indonesiano Fadii Imammuddin (MotoBi). Con il sopraggiungere del gruppo, sono poi caduti sui rottami anche Zarqwan Zaidi (Suter), Doni Tata Pradita (Suter) e Decha Kraisart (Tech3). Nessuno dei piloti ha riportato conseguenze gravi nello schianto.

Salom vince in Moto3, poi Rins e Oliveira - E' Luis Salom (KTM) il vincitore del Gp della Malesia nella classe Moto3, la settima della stagione. Lo spagnolo ha vinto il duello con il connazionale Alex Rins (KTM), battendolo nell'ultima curva decisiva per l'arrivo al traguardo. Terzo posto per il portoghese Miguel Oliveira (Mahindra), mentre Alex Marquez (KTM) è quarto. Nonostante una bella rimonta, invece, Romano Fenati (FTR-Honda) non è riuscito ad avvicinarsi al gruppo dei migliori e al traguardo è giunto nono. A terra è finito Niccolò Antonelli (FTR-Honda), che partiva dalla prima fila e aveva qualche possibilità di competere per una buona posizione. Fuori dalla zona punti Francesco Bagnaia (FTR-Honda), 16/o alle spalle della sorprendente Ana Carrasco (KTM) prima donna nella storia del motociclismo spagnolo ad aver ottenuto punti mondiali con il suo 15/o posto. Al termine della gara di Sepang il campionato del mondo vede sempre Luis Salom in testa con 284 punti, contro i 270 di Alex Rins che è secondo, mentre terzo è Maverick Vinales con 258 punti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni