Percorso:ANSA.it > Altri Sport > News

'Bebe' Vio segue Pistorius, io a Rio nella scherma

Amputata a 4 arti, a Rio vuole gareggiare in due sport

05 luglio, 19:27
Beatrice Vio in pedana
Beatrice Vio in pedana
'Bebe' Vio segue Pistorius, io a Rio nella scherma

di Tommaso Romanin

BOLOGNA - Tutta 'colpa' di Pistorius. "Oscar mi ha detto: ma perché non vieni a correre con me? Ok, ma solo se tu mi affronti in un assalto di scherma, ho risposto io". Beatrice 'Bebe' Vio, di Mogliano Veneto (Treviso), quindicenne amputata ai quattro arti, è quasi pronta a superare un nuovo limite: aggiungere alla lama di fioretto che impugna grazie ad una protesi anche le lame in carbonio da far fischiare veloci per volare sulle piste di atletica leggera. Proprio come il suo amico sudafricano, un po' più grande di lei, che ieri ha ottenuto le Olimpiadi, primo paralimpico della storia. Quasi per gioco, anche se poche davvero sono le cose in cui 'Bebe' si butta solo per gioco, ha iniziato a fare delle prove per reimparare a correre con le gambe speciali, come faceva da piccola prima che la malattia le portasse vie quelle vere. Non solo correre, ma gareggiare. O meglio, vincere, come nella scherma.

Seduta in carrozzina, ha già stupito molti con un recente secondo posto in una prova di coppa del mondo assoluti. Ancora un'under-20, è una mina vagante degli assalti paralimpici. Così tra una pedana e l'altra, tra un viaggio e una testimonianza per l'associazione Art4Sport che segue con la sua famiglia, si è fatta costruire le 'gambe giuste' e si è ritrovata su una pista rossa a Trieste un mese fa. Non è ruzzolata, ed è già qualcosa, perché le protesi da corsa non sono come quelle per camminare. Ha finito un giro, "mi sono fermata due o tre volte, ma ce l'ho fatta. Faccio scatti di sessanta metri". In realtà è andata così bene che il tecnico della nazionale di atletica paralimpica Alessandro Kuris l'ha notata e l'ha invitata a partecipare ad uno stage in autunno.

Se vorrà, potrà approfondire la cosa. Approfondire, nel linguaggio di Bebe, vuol dire averlo già fatto: "A Rio de Janeiro vorrei gareggiare sia nella scherma sia nell'atletica". Intanto a Londra ci sarà, come tedofora alle paralimpiadi. E tiferà per Pistorius, che ha conosciuto durante uno dei suoi periodi in Italia. "E' un grande, vuole sempre andare oltre. E poi lo ringrazio, perché mi ha spiegato alcune cose, che se voglio essere un atleta devo mangiare poca cioccolata". Una delle prime volte che vide Oscar, lui l'aveva spinta per un breve tratto, sulla carrozzina. Chissà che grazie alla sua ultima spinta, la ragazza di Mogliano non riesca a fare il giro di campo con la fiaccola, sfrecciando con le lame: "Eh, mi piacerebbe. Ma 400 metri sono lunghi. Poi se cado, sai che figura...".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni