Percorso:ANSA.it > Regioni > Toscana > News

Lavoro cinesi di Prato vale 2,3 miliardi

Irpet, metà economia è sommersa e irregolare 40% addetti

22 gennaio, 19:36

Correlati

Lavoro cinesi di Prato vale 2,3 miliardi

(ANSA) - PRATO, 22 GEN - Il volume di denaro prodotto annualmente dalle circa 5mila aziende condotte da cittadini cinesi a Prato è di circa 2,3 miliardi di euro: quasi la metà della ricchezza prodotta è tuttavia frutto di economia sommersa e illegale, che utilizza come forza lavoro il 40% circa di personale non regolare. I dati sono stati resi noti questa mattina nel corso della presentazione del rapporto Irpet sul "Ruolo economico della comunità cinese" in città.


"Prato era fino a pochi anni fa la seconda provincia in Italia per esportazioni - spiega il direttore dell'Irpet, Stefano Casini Benvenuti - : prima c'è Vicenza e a ruota Arezzo, tutte e due in vetta alle classifiche per l'oro, quindi Siracusa, per i suoi prodotti petroliferi. In pochi anni il valore delle esportazioni a Prato è crollato del 35-40%. Anche il valore aggiunto ha avuto un tonfo, ma non in questi termini". Il motivo? La prima spiegazione riguarda il mercato degli affitti, che a Prato pesa il 17% (più della media regionale). La seconda spiegazione è la possibile minor dipendenza da servizi localizzati un tempo in altre province. Ma non basta. Ecco così la terza spiegazione: la presenza di una vasta economia sommersa, che la ricerca dell'Irpet prova appunto a misurare.

UNA PRODUZIONE DA OLTRE 2 MILIARDI - Lo studio quantifica tra l'11 e il 13% l'apporto delle imprese cinesi al valore aggiunto prodotto nell'intera provincia: qualcosa come 680 milioni di euro nell'ipotesi minima e e quasi 800 milioni in quella massima, con un produzione stimata tra 2 e 2,3 miliardi. Da conto terzi a imprenditori finali - All'inizio i cinesi, negli anni Novanta, erano sopratutto sub-fornitori: cucivano per conto terzi. Negli anni Duemila molti sono diventati imprenditori finali e sono passati dalla cucitura dei capi alla progettazione dei modelli e alla commercializzazione degli abiti. Altri, molti di meno, lavorano nella ristorazione e nel commercio.

QUASI CINQUEMILA IMPRESE - Lo studio dell'Irpet prova anche a capire quanto siano davvero i cinesi a Prato e i lavoratori impiegati nelle aziende . Alcuni numeri sono certi e pesanti di suo: 4.830 imprese, a tanto ammontano le aziende cinesi a Prato, non sono poche. Sono quattro volte quelle di dieci anni prima, un sesto di tutte quelle delle provincia e molte di più se si guarda al solo abbigliamento, quasi le metà delle aziende pratesi condotte da stranieri.

PIÙ DI QUARANTAMILA RESIDENTI E 20 MILA LAVORATORI - Altri numeri sono più difficili da quantificare, come i residenti e i lavoratori. Gli irregolari sfuggono infatti alle statistiche ufficiali. Ragionando sui consumi di acqua e sul rapporto tra irregolari e regolari riscontrato durante i controlli sulle imprese da parte delle forze dell'ordine, l'Irpet una stima è riuscita comunque a farla. I residenti 'veri' potrebbero benissimo essere 40-45 mila cinesi (di contro ai soli 17 mila cinesi iscritti all'anagrafe e i 32 mila permessi di soggiorno richiesti). I lavoratori oscillerebbero tra 17 e 20 mila, con un forbice di irregolari compresa tra 6 a 9 mila addetti.

AZIENDE POCO LONGEVE MA PIÙ ROBUSTE - Lo studio conferma l'elevata mortalità delle imprese cinesi: delle 386 nate nel 2001 ne sopravvivevano alla fine del 2012 solo 53, meno del 4%. Le imprese cinesi sono in genere anche piccole e con pochi addetti, come del resto quelle degli italiani. La dinamica negli ultimi anni è però opposta: quelle italiane, complice la crisi, si sono fatte ancora più piccole, quelle cinese sono cresciute in dimensione.

LE RIMESSE - Un capitolo dello studio è dedicato anche alla rimesse verso la Cina. Le oscillazioni sono grandi, a seconda degli anni. Si parte da 20 milioni di euro nel 2005 (meno della metà allora di Firenze) fino a 187 milioni del 2012. Il picco è tra il 2007 e il 2009 con 431, 373 e 464 milioni. Numeri che pongono Prato sul podio delle classifiche nazionali: mai prima ma tre volte seconda, quattro volte terza e un solo anno, nel 2005, quarta.Le imprese cinesi sono in genere anche piccole e con pochi addetti, come del resto quelle degli italiani. La dinamica negli ultimi anni è però opposta: quelle italiane, complice la crisi, si sono fatte ancora più piccole, quelle cinese sono cresciute in dimensione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni