Percorso:ANSA.it > Regioni > Campania > News

Tre crolli in 48 ore. Unesco, senza interventi crolla tutto

Riunione urgente al Mibact

04 marzo, 13:16
I crolli a Pompei - Foto di CIRO FUSCO
I crolli a Pompei - Foto di CIRO FUSCO
Tre crolli in 48 ore. Unesco, senza interventi crolla tutto

Tre episodi in meno di 48 ore. È il dissesto idrogeologico ad avere causato, negli Scavi di Pompei, gli ultimi crolli delle mura antiche. Nella notte scorsa si è sbriciolata la parete di contenimento alta 2 metri in un'area non scavata di via Nola. Non si tratta di un gravissimo danno da un punto di vista del valore archeologico, ma il direttore degli scavi, Grete Stefani ammette: "E' un campanello d'allarme in quella zona, potrebbero verificarsene altri''.

Il ministro di beni culturali e turismo, Dario Franceschini, presiederà a Roma un vertice per fare il punto sulla situazione, mentre la procura di Torre Annunziata ribadisce la massima attenzione su tutto ciò che succede all'interno dell'area archeologica. Al Governo si rivolge l'assessore ai beni culturali della Campania, Pasquale Sommese, chiedendo interventi immediati. Domani Franceschini riunisce un tavolo tecnico con tutti i vertici della Soprintendenza ai quali ha chiesto un rapporto sulla manutenzione del sito archeologico, e sul cronoprogramma del Grande Progetto Pompei. ''Una riunione operativa per affrontare questa emergenza che purtroppo è continua'', dice il ministro. Sindacati e rappresentanti politici e istituzionali incalzano il Mibact sull'urgenza di intervenire.

''Occorre un piano di interventi straordinario che metta in sicurezza l'intera area perché se questi terreni non hanno un drenaggio forte delle acque piovane è chiaro che Pompei è destinata a crollare per intero'', è l'allarme lanciato dal presidente della commissione nazionale italiana per l'Unesco Giovanni Puglisi. ''Dopo l'ennesimo crollo di oggi, il terzo in tre giorni - ricorda Puglisi - non c'è più tempo da perdere dal punto di vista burocratico'' ma bisogna agire ''dal punto di vista geologico e geo-idrico''. Il presidente della commissione nazionale italiana per l'Unesco ribadisce che ''il problema è ormai della permeabile situazione del sistema idrogeologico che praticamente non tiene più da un lato e non riesce a filtrare più nulla dall'altro, per cui l'acqua dove arriva si ferma e di conseguenza quando il sistema idrogeologico è saturo viene giù: l'unica cosa da fare è un intervento straordinario ma su tutta l'area di Pompei, non solo dal punto di vista archeologico ma anche dal punto di vista idrogeologico, questo è il vero nodo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni