Percorso:ANSA.it > Speciali > News
immigrazione Tutti i titoli

Via a Mare Nostrum Usati anche i droni

Vertice a palazzo Chigi sull'immigrazione

15 ottobre, 11:14

Correlati

Un drone israeliano Un drone israeliano
Via a Mare Nostrum Usati anche i droni

Navi anfibie, droni, elicotteri con visori notturni. Dopo gli ultimi tragici naufragi, l'Italia lancia 'Mare Nostrum', operazione "militare e umanitaria" per rafforzare il dispositivo di sorveglianza e soccorso nel Canale di Sicilia. "Per noi è intollerabile che il Mediterraneo sia mare di morte", ha detto il premier Enrico Letta che ha presieduto la riunione a Palazzo Chigi - con gli altri ministri ed i vertici militari - in cui sono stati messi a punto i dettagli dell'operazione. L'obiettivo è portare il soccorso più vicino ai porti di partenza delle carrette del mare, in modo da evitare altre vittime. Il ministro della Difesa Mario Mauro ha sottolineato che "per la prima volta verrà usata una nave-anfibia, la San Marco, operativa dal 18 ottobre". Si tratta di una nave dotata di capacità ospedaliere, elicotteri e grandi spazi interni per il ricovero dei naufraghi.

Ci saranno poi altri pattugliatori, fregate, elicotteri con visori notturni ad infrarossi ed i droni, gli aerei senza pilota che consentiranno di avere la massima sorveglianza nell'ampio tratto di mare interessato dalle rotte dei migranti. Con Mare Nostrum, ha sottolineato Mauro, "incrementeremo il livello sicurezza delle vite umane ed il controllo dei flussi migratori". Da parte sua, il ministro dell'Interno Angelino Alfano si è detto convinto che l'operazione "avrà un effetto deterrente molto significativo per chi pensa di fare impunemente traffico di esseri umani", con l'azione di pattugliamento, "che darà la possibilità di intercettare i mercanti di morte" e l'intervento delle procure "che già in due circostanze ha portato al sequestro delle navi e all'arresto dell'equipaggio". Ma che ne sarà dei migranti soccorsi dalle navi italiane? "Ci sono - ha risposto Alfano - le regole del diritto internazionale della navigazione, non è detto che se interviene una nave italiana porti i migranti in un porto italiano. Si valuterà in base al luogo dove avverrà l'operazione". Non è ancora chiaro il costo di Mare Nostrum.

Ma attualmente, ha ricordato Mauro, "spendiamo un milione e mezzo di euro al mese" per la sorveglianza ed il soccorso in mare; "potenziando il dispositivo con la nuova operazione si spenderà di più". Non ci sono comunque fondi appositi stanziati per la missione che, ha spiegato Alfano, si finanzierà "con i bilanci dei rispettivi ministeri; non siamo in presenza di una legge per cui serve una nuova copertura. Il punto è che l'Italia rafforza la protezione della frontiera esterna e quando si calcolano i costi bisogna capire quali sarebbero i costi in assenza di questa missione". Accanto all'operazione targata Italia, ci sarà il potenziamento di Frontex, con altri mezzi da impiegare nella vigilanza del Mediterraneo. E ora si guarda con maggiore fiducia al Consiglio europeo dei capi di Governo del prossimo 24 ottobre, nella cui agenda è entrata di prepotenza la questione immigrazione. "Noi - ha sottolineato Letta - siamo di fronte ad un cambio epocale dell'immigrazione e questo impone un cambio radicale di normativa e di approccio a livello europeo e nazionale. Ma non possiamo aspettare i tempi delle istituzioni e del Parlamento europeo quando di mezzo ci sono vite umane. Dobbiamo - ha concluso - agire subito e per questo il governo ha deciso la missione umanitaria".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA