Percorso:ANSA.it > La Rotta del Caffè > News

Mura e Manuard in arrivo a La Coruña. Pronta la squadra di soccorso

Pit-stop del Class40 Bet1128, ma pronti a ripartire

13 novembre, 17:39
Pit stop a La Coruna Pit stop a La Coruna
Mura e Manuard in arrivo a La Coruña. Pronta la squadra di soccorso

La Coruña - Sani e salvi dopo aver disalberato nel cuore della notte scorsa, in mezzo al Golfo di Biscaglia, ed essere riusciti con coraggio a ripartire dopo aver rialzato l’albero, Gaetano Mura e Sam Manuard, a bordo di Bet1128, stanno approcciando il porto di La Coruña, sulla punta nord-ovest della Spagna, per effettuare le riparazioni necessarie e ripartire. La brutta avventura per Gaetano Mura e Sam Manuard, rispettivamente skipper e co-skipper di Bet1128, il Class40 italiano in gara per la Jacques Vabre (regata transoceanica partita lo scorso 7 di novembre da Le Havre, in Francia, con destino a Itajaì, in Brasile), tuttavia, è ormai alle spalle. Navigando al largo del Golfo di Biscaglia nel gruppo di testa dei Class40 in gara, in condizioni di mare formato e vento teso, nel cuore della notte Bet1128 disalbera a causa di un’avaria. Fortunatamente l’albero, di ben 18 metri di altezza, rimane illeso, così come le vele, recuperate a fatica dai flutti. Gaetano e Sam, con l’aiuto di due drizze, nonostante le difficili condizioni atmosferiche, riescono a rialzare l’albero e a riprendere il percorso, con lo stupore di un concorrente inglese che si trova nei pressi. Riguadagnano subito velocità, ma l’acqua entrata nello scafo durante l’emergenza ha danneggiato il computer di bordo, essenziale per la navigazione oceanica. Danneggiati anche una serie di altri componenti. Il team di terra comunica con Gaetano e Sam via satellite. Immediatamente parte la macchina organizzativa per far convergere sull’aeroporto di La Coruña i particolari e gli tecnici necessari ad effettuare le riparazioni, fra cui un ingegnere specialista in elettronica di bordo. Così in poche ore Bet1128 sarà pronta a riguadagnare il largo per raggiungere la flotta dei Class40. Restano oltre 5.000 miglia e una regata tutta da giocare.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA