Percorso:ANSA.it > Photostory Spettacolo > News
Fiorello - Berlusconi esulta, Annozero, prr..'

di Giorgiana Cristalli

ROMA  - "Pé pé pé pé pé pé, pé pé pé pé pé pé, pé pé pé pé pé, pé pé... Annozero, prr...": canticchiando come quando si fanno i trenini per festeggiare il Capodanno, con tanto di trombette e anche di pernacchie, il Fiorello-Berlusconi ha esultato alla notizia della chiusura di Annozero su Rai2. Con la tradizionale telefonata del finto premier lo showman ha dato il via al penultimo appuntamento di 'Buon varieta'', in diretta su Radiouno dal teatro Sistina di Roma.

Dialogando, come voce fuori campo, con la spalla Marco Baldini, solo sul palco, Fiorello, sempre con la voce di Berlusconi, ha scherzato anche sulla successione nell'ambito del Pdl e sul nucleare (lo showman, parlando seriamente, si è detto contrario alle centrali, ndr): "Adesso basta sono tutti contro di me cribbio e stracribbio... Tutti fanno a gara per essere il mio successore... quando si cerca il successore vuol dire che il predecessore è alla fine dei suoi giorni... e allora io metto la mano sui miei ballottaggi. Ecco - ha aggiunto - i nomi degli avvoltoi: Alemanno, Alfano, Tremonti, Formigoni, Fabrizio Corona, Marina Berlusconi... chi è questa che si chiama come me? Chi è? Ah, è mia figlia!".
E ancora sul referendum: "E' un referendum inutile... Basta, tutti con questa paura sul nucleare... adesso per dimostrare che non fa male mi siedo a culo nudo su un nocciolo nucleare, fa bene pure all'artrosi". E Baldini: "Non crede sarebbe meglio investire sulle energie rinnovabili?". Pronta la risposta di Fiorello-Berlusconi: "Allora produce più elettricità il maglioncino acrilico di Enzo Paolo Turchi che 20 pannelli fotovoltaici...".

Sulla preoccupazione legata ai rischi del nucleare il premier, nella versione di Fiorello, ha pronta una soluzione: "Ma quale rischio, al limite sulle centrali mettiamo un salva la vita Beghelli". Tanti, come sempre gli ospiti presenti in platea: Claudia Gerini, invitata da Fiorello sul palco per una gag musical-cinematografica, Giovanni Allevi, Alessia Marcuzzi e Francesco Facchinetti, tra gli altri. Ospite musicale: Elisa, che ha giocato ad imitare Carmen Consoli e a cantare le 'Mille bolle blu' di Mina.
Elisa si è cimentata anche con la voce di Caterina Caselli, sua discografica e talent scout, con un'imitazione abbastanza fedele all'originale. Con l'amica di vecchia data Alessia Marcuzzi, e con il suo compagno, il 'figlio di Pooh' Facchinetti, Fiorello ha scherzato sulla figlia in arrivo: "E' vero che avete pensato a Morgan come babysitter? La potete chiamare 'Piccola Katy'". Con Facchinetti lo showman ha poi cantato 'Tanta voglia di lei', dopo la chiusura del collegamento in diretta con Radiouno. Giovanni Allevi, invitato a salire sul palco dalla platea, è stato protagonista di un'intervista, a tratti surreale, con Fiorello, che alla fine dello sketch si è fatto portare in scena una folta parrucca di ricci neri come quelli del pianista prima di mettersi al pianoforte con lui e giocare a suonare a quattro mani, premendo però solo i tasti neri della tastiera.

"Hanno scoperto solo ora i sonniferi nel calcio? In politica li usano da tempo: D'Alema già li dava a Prodi": Fiorello ha scherzato anche sullo scandalo del calcioscommesse. "Non ci posso credere - ha detto - pensate alla faccia di quelli che facevano l'antidoping ai giocatori e li trovavano sotto effetto dei calmanti. Avranno pensato che erano cretini... Quando l'arbitro fischiava questi sbadigliavano e cercavano la sveglia", ha sorriso Fiorello. E, alle esultanze per i gol, "alzavano la maglia e usciva il pigiama sotto". Una battuta anche sul Ponte della Musica, inaugurato a Roma: "In Cina hanno costruito il ponte più lungo del mondo, 41 chilometri, in quattro anni. A Roma ci hanno messo quindici anni per inaugurare un ponte di 190 metri... il Ponte della Musica collegherà lo stadio Olimpico all'Auditorium perché è chiaro che a fine partita gli ultrà dicono: 'E adesso andiamo all'Auditorium a sentire un po' di musica classica".

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati