Percorso:ANSA.it > Photostory Primopiano > News

Grillo perde fan su facebook, via in più di 6 mila

21 giugno, 16:14
Grillo perde fan su facebook Grillo perde fan su facebook
Grillo perde fan su facebook, via in più di 6 mila

ROMA - Dall'insediamento del governo Letta ad oggi i social network e le discussioni in rete registrano un calo del 40% dell'interesse degli utenti verso i temi politici. Grillo e il Movimento 5 Stelle scontano più di altri questa tendenza con punte di oltre 6mila fan che vanno via da Facebook. E' l'analisi di Blogmeter, società che monitora i social media e le discussioni online, che mette in evidenza anche un calo di Matteo Renzi, Mario Monti e Scelta Civica. .

"Sul fronte Facebook emerge un fenomeno inusuale - sottolinea Blogmeter -: una serie di persone hanno deciso addirittura di cancellare l'iscrizione alle pagine di Grillo e del M5S. La prima perde ben 6013 fan (in media 135 fan al giorno), la seconda 2394, probabilmente a causa dell'alto livello di aspettative pre-elezioni".

Più in generale l"engagement' complessivo su Facebook (cioé la somma di 'like', commenti, condivisioni, post spontanei in bacheca) scende per tutti ad eccezione della Lega: Monti cala addirittura del 93% ("anche perché non scrive più un post da marzo", sottolinea Blogmeter), il Popolo della libertà del 70%, Silvio Berlusconi del 56%, il Partito Democratico del 54%, Renzi del 57%, Grillo del 32% e il Movimento Cinquestelle del 28%. Su Twitter, invece, nel periodo che va dal 1 maggio al 17 giugno si nota una flessione delle menzioni di partiti e leader rispetto al corrispondente periodo precedente: Scelta civica perde l'83%, il Partito democratico il 60%, Grillo e il Movimento Cinquestelle il 48%, il Popolo della libertà il 31%, Renzi il 44%. "Si tratta in parte di cali fisiologici dopo la scorpacciata delle politiche - spiega Vincenzo Cosenza, social media strategist di Blogmeter - ma i dati segnalano anche un certo disinteresse e un'incapacità dei partiti di coinvolgere con contenuti originali e temi forti i propri sostenitori nelle fasi post elettorali".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA