Percorso:ANSA.it > Photostory Primopiano > News

FOTO-VIDEO: il lussuoso covo di Abbottabad

02 maggio, 08:37
Abc mostra l'interno del compound dove e' stato ucciso Osam Bin Laden Abc mostra l'interno del compound dove e' stato ucciso Osam Bin Laden
FOTO-VIDEO: il lussuoso covo di Abbottabad

ISLAMABAD - Una palazzina di tre piani circondata da alte mura e filo spinato alla periferia di Abbottabad, località turistica montana a oltre un'ora da Islamabad, famosa per una prestigiosa accademia militare e per le sue numerose caserme. E' in questa villa-fortezza, costruita 8 anni fa, che viveva Osama bin Laden con le mogli, i figli e una schiera di fedelissimi. La casa, che sorge su un vasto appezzamento di terreno, era stata costruita 8 anni fa e registrata con documenti falsi. Oltre a bin Laden, ospitava altre famiglie, tra cui quella del 'corriere' dello sceicco saudita. La stampa l'ha valutata un milione di dollari. Con poche finestre sulla facciata esterna, una grande terrazza "invisibile" da fuori e due cancelli di ingresso blindati, era molto probabilmente stata progettata proprio per nascondere l'uomo più ricercato del mondo. Da quanto si è appreso dagli increduli vicini di casa, gli occupanti "non davano confidenza" e alcuni comportamenti erano molto sospetti. Per esempio nessuno raccoglieva la spazzatura che veniva invece 'smaltita' o bruciata all'interno del complesso. La casa non aveva inoltre alcuna connessione telefonica o collegamento internet.

Dopo il blitz avvenuto nel cuore della notte, l'intero quartiere è stato isolato dalle forze dell'ordine pachistane per impedire l'accesso ai giornalisti. Una tv americana ha mostrato le immagini di un letto matrimoniale sottosopra, cuscini e coperte buttate a terra, larghe chiazze di sangue e due pistole sui tappeti che proverebbero irruzione, conflitto a fuoco e conseguente uccisione del leader di Al Qaeda e di altre 4 persone che erano con lui. La televisione Geo New aveva mostrato stamattina anche le immagini di un incendio, probabilmente provocato da un elicottero che ha avuto problemi meccanici durante il raid ed è stato fatto saltare in aria al termine dell'operazione dagli americani. La residenza sorge a neppure un chilometro dalla Pakistan Military Academy di Kakul, una delle più prestigiose del Paese, dove appena una settimana fa si era recato il capo dell'esercito pachistano Ashfaz Parvez Kayani per una commemorazione. Ad aumentare i sospetti sul covo di Abbottabad, era stata anche la cattura, lo scorso gennaio, nella stessa città del terrorista di Al Qaida, Umar Patek, ricercato per l'attentato di Bali del 2002.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA