Percorso:ANSA.it > Photostory Primopiano > News

Il calendario della Polizia

01 gennaio, 17:14
Calendario Polizia 2011 - gennaio Calendario Polizia 2011 - gennaio
Il calendario della Polizia

TORNA ALLO SPECIALE

ROMA - Il calendario 2011 della Polizia di Stato è disponibile gratis su Apple Store. L’applicazione è compatibile con iPhone, iPpod touch e iPad e consente di sfogliare e consultare le foto del calendario, di salvarle sul proprio dispositivo e di spedirle via mail ai propri amici.

Questa è la prima applicazione della Polizia di Stato disponibile su Apple Store e altri saranno già disponibili dalle prossime settimane. Tra i contenuti anche un video di presentazione degli allievi dell'Istituto di Stato per la cinematografia e la televisione Roberto Rossellini di Roma autori del Calendario 2011 della Polizia di Stato.

 Il link sull’Apple Store è:
 
Un tentativo di stupro interrotto dall'arrivo dei poliziotti, gli scontri allo stadio con un bambino a farne le spese, i rilievi per un incidente stradale e l'angoscia di una famiglia, un giovane drogato e il suo amico poliziotto, un ragazzo con il cappuccio della felpa calcato in testa che punta una pistola in faccia ad un agente che non ha paura di affrontare i criminali: è la polizia vista dai giovani che, per la prima volta, sono stati chiamati a realizzare l'edizione del calendario della polizia.

Il risultato è che nei dodici click dei 38 studenti dell'Istituto di Stato per la cinematografia e la televisione Roberto Rosselli di Roma che per mesi hanno lavorato alla realizzazione del calendario, non c'é l'istituzione 'classica' ma una polizia raccontata attraverso gli occhi diretti e sinceri di ragazzi non ancora maggiorenni.

La polizia, dice il ministro dell'Interno Roberto Maroni durante la presentazione, ha fatto una scelta "coraggiosa e coerente con la sua missione, che non é soltanto garantire la sicurezza di tutti ma anche trasmettere il valore della legalità e il rispetto delle regole". E farlo partendo dai giovani "é un investimento per il futuro e per la stessa sicurezza". Perché i poliziotti "non sono dall'altra parte della barricata: sono gli amici che consentono di vivere la vita nel modo migliore" "Con questa scelta - conferma il capo della Polizia Antonio Manganelli nel corso della presentazione - abbiamo voluto evitare i trionfalismi e metterci in discussione.

Mettendo in gioco la nostra immagine". E "l'incontro tra poliziotti e giovani ha dovuto fare i conti con la diffidenza generata dai reciproci luoghi comuni: ma la sequenza finale degli scatti racconta il progressivo superamento delle difficoltà e dei dubbi, fino a sposarsi con quello che è il nostro motto, 'c'é più sicurezza insiemé". Anche quest'anno il calendario della polizia sarà in vendita presso tutte le questure d'Italia e i fondi realizzati serviranno a finanziare un progetto dell'Unicef in Bangladesh che consentirà a seimila bambini di strada di avere assistenza. L'obiettivo, ha detto il ministro, è quello di raccogliere anche attraverso alcuni sponsor, almeno 200mila euro.