Percorso:ANSA.it > Photostory Primopiano > News
Amanda dal carcere: ridatemi la libertà - FOTO

"Mi manca la mia famiglia. Ho degli amici che sono come fratelli e sorelle, ma... io voglio vivere. Non è che qui non si possa vivere, ma non è quello che pensi di poter raccontare". Amanda Knox, condannata in primo grado a 26 anni di reclusione per l'omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, parla di sé dalla sua cella del carcere di Perugia e sogna di ricevere un solo regalo: "La libertà. Tutte le cose della vita non sono le stesse - dice - senza la cosa più importante".

Le confidenze della ragazza americana, con rarissimi riferimenti al caso giudiziario che la riguarda, sono nel libro di cui è autore Rocco Girlanda, deputato e presidente della Fondazione Italia Usa, "Io vengo con te - Colloqui in carcere con Amada Knox", un diario dei numerosi colloqui che l'autore ha avuto con lei "dietro le sbarre".