Percorso:ANSA.it > Photostory Primopiano > News
Quando le telecamere aiutano le indagini, da Doina Matei a oggi

ALCUNE IMMAGINI DI QUESTA PHOTOSTORY POTREBBERO URTARE LA VOSTRA SENSIBILITA'

Omicidi, rapine, stupri, ma anche incasso di tangenti e aggressioni. Sono tanti i delitti sui cui viene fatta luce anche grazie alle riprese di telecamere puntate sulla scena del crimine. Ecco alcuni dei casi - avvenuti negli ultimi anni - in cui i filmati hanno avuto un ruolo importante nelle indagini.

14 MARZO 2010 - Un gruppo di sei affiliati al clan camorristico dei Nuvoletta mettono a segno due raid punitivi in una sala giochi ed in un bowling nel napoletano sparando ed incendiando. Le incursioni sono riprese dalle telecamere a circuito chiuso dei locali: quattro uomini vengono fermati dalle forze dell'ordine.

18 FEBBRAIO 2010 - I carabinieri arrestato un commercialista ed un funzionario dell'Agenzia delle entrate di Varese, Massimiliano D'Errico e Vincenzo Mercadante, ripresi mentre intascavano una tangente di 15mila euro da un imprenditore.

4 FEBBRAIO 2010 - Un anziano viene derubato ed aggredito a Torino dopo aver ritirato la pensione in banca. L'uomo muore tre giorni dopo. Grazie alle telecamere di sicurezza della banca gli investigatori identificano gli assassini, una coppia di romeni.

1 GENNAIO 2010 - Un'albanese di 25 anni denuncia uno stupro subito la notte di Capodanno nel sottopasso della stazione ferroviaria Rifredi di Firenze. Un video delle telecamere di sicurezza della stazione di Prato, dove aggressore e vittima si sono conosciuti prima di salire insieme sul treno per Firenze, consente di identificare l'accusato, un palestinese di 20 anni.

30 GENNAIO 2010 - Giorgio Munteanu, quindicenne romeno, viene ucciso con tre coltellate alla gola. A risalire agli assassini, due fratelli romeni, tornano utili anche le riprese della telecamera di un negozio vicino al luogo dell'aggressione.

29 GENNAIO 2010 - Fabrizio Traini, accusato di essere un rapinatore seriale di banche, e' stato seguito e rintracciato con i sistemi di videosorveglianza posizionati lungo la sua via di fuga, dal Bologna a Reggio Emilia.

2 DICEMBRE 2009 - I carabinieri arrestano due maestre di un asilo a Pistoia dopo che telecamere di sorveglianza installate dalla questura hanno ripreso maltrattamenti, schiaffi e punizioni severe nei confronti dei bimbi.

1 GIUGNO 2009 - Il consulente finanziario Silvano Azzolini viene rapito ed ucciso da due uomini a Villanova di Castenaso (Bologna). La svolta nelle indagini grazie alle immagini del rapimento delle telecamere di sicurezza di Villanova che avevano ripreso il furgone bianco usato dai due.

26 MAGGIO 2009 - All'ingresso della stazione della Cumana di Montesanto a Napoli, un commando di camorristi uccide per errore un suonatore ambulante romeno, Petru Birlandeanu. Le riprese delle telecamere di sicurezza della stazione sono servite ad incastrare i tre killer.

11 MAGGIO 2009 - Un uomo uccide davanti ad un bar di Napoli Mariano Bacioterracino. L'assassinio viene ripreso dalle telecamere e, mesi dopo, la procura diffonde le immagini suscitando polemiche e scalpore in tutto il mondo. Il 19 novembre il killer viene catturato.

1 MAGGIO 2008 - Militanti di estrema destra aggrediscono e picchiano a morte Nicola Tommasoli nel centro di Verona. Gli aggressori vengono individuati anche grazie alle immagini registrate da alcune telecamere presenti nella zona.

17 NOVEMBRE 2007 - Alfredo Bettiolo viene colpito alla testa (morira' tre giorni dopo) da un colpo di pistola all'interno della sua agenzia di pratiche auto a Verona. Successivamente le immagini riprese dalle telecamere di una banca vicina, divulgate dalla questura, hanno permesso di catturare i due responsabili.

26 APRILE 2007 - Doina Matei, ventenne romena, uccide con un colpo d'ombrello la coetanea Vanessa Russo, dopo un litigio nella stazione della metropolitana di Termini a Roma. Le telecamere a circuito chiuso hanno ripreso Doina ed una sua amica che salivano di corsa le scale della stazione.