Percorso:ANSA.it > Photostory Primopiano > News
Photostory: Gugliotta, non tentai la fuga, ma colpivano

'Io urlavo le mie ragioni ma loro mi menavano, mi colpivano: saranno stati setto o otto, sono pieno di lividi'. Cosi Stefano Gugliotta, ancora visibilmente scosso, ricorda quanto avvenuto la sera del 5 maggio quando fu arrestato nel dopo partita di Inter-Roma. Gugliotta, nel corso di una affollata conferenza stampa, ha, inoltre raccontato di aver dormito solo poche ore questa notte. Prima di uscire si e' tolto un dente che gli avevano messo qui in carcere ed ha detto: 'ora andro' a farmi curare da un dentista vero'.