Percorso:ANSA.it > Photostory Primopiano > News
Photostory: In Cile il dopo-sisma con saccheggi

Sta aumentando in Cile il fenomeno dei saccheggi nel post-terremoto, che non ha riguardato solo la città di Concepcion: i 'carabineros' di Santiago hanno arrestato 12 persone accusate di furto, mentre in altre aree del paese viene richiesto l'intervento delle forze di sicurezza. "Reagiremo nel modo più opportuno" di fronte al fenomeno, ha sottolineato il capo dell'area metropolitana della capitale dei carabinieri, generale José Luis Ortega, precisando che ormai da ore effettivi militari presidiano l'80% dei supermercati della città aperti questa domenica.

Nel grande quartiere periferico di Quilicura, a nord della capitale, ci sono stati tentativi di furto nel supermercato 'Santa Isabel', ha precisato il militare, che si è comunque rifiutato di parlare di 'sciacalli'. Le immagini della tv mostrano infatti uomini, donne, anziani e bambini che portano via da grandi negozi e supermarket elettromestici, ma anche scatole di latte, alimenti e acqua. La sindaco di Concepcion, Jacqueline Van Rysselberghe, ha d'altra parte chiesto l'intervento dell'esercito per ristabilire la sicurezza nella città.

"Il governo centrale deve inviarci dei miltari. Farò un appello pubblico al ministero della difesa - ha precisato - affinché ci mandino personale armato".