Percorso:ANSA.it > Photostory Curiosita' > News

Scheletro riaffiora in cantiere metro' Napoli

Ritrovamento in Piazza Muncipio, dove c'era un porto romano - LE FOTO e VIDEO

26 maggio, 17:30
Dalla miniera di reperti archeologici di Piazza Municipio, dove si lavora da molti anni alla costruzione della Stazione del metropolitana, affiora uno scheletro risalente al Medioevo Dalla miniera di reperti archeologici di Piazza Municipio, dove si lavora da molti anni alla costruzione della Stazione del metropolitana, affiora uno scheletro risalente al Medioevo
Scheletro riaffiora in cantiere metro' Napoli

(FOTO di CIRO FUSCO)

Dalla miniera di reperti archeologici di Piazza Municipio, dove si lavora da molti anni alla costruzione della Stazione del metrò, affiora uno scheletro risalente al Medioevo. Era ad una profondità di circa 8 metri nel sottosuolo, dal lato di via Medina, dove si sta realizzando la scala d' accesso alla futura stazione.

L' archeologa della Soprintendenza Daniela Giampaolo lo ha datato in epoca alto medievale, tra il VII e l' VIII secolo. "Si tratta di una tomba a fossa, scavata nel terreno, forse una delle sepolture sparse della zona - ha detto l' archeologa - non abbiamo elementi per pensare alla presenza di una necropoli".

Sulle prime, lo scheletro avvolto da fango e terreno, che sembrava presentare tracce di sangue, aveva fatto pensare ad una morte ben più recente.

In piazza Municipio si è radunata una piccola folla alla ricerca di informazioni, mentre il traffico, già congestionato per la presenza del cantiere, si è fermato. Tra forze dell'ordine, Società Metropolitana di Napoli e Soprintendenza Archeologica si sono intrecciate le telefonate.

"E' un ritrovamento significativo - precisa la Giampaolo, responsabile degli scavi nel cantiere di piazza Municipio - ma che non costituisce una novità in quell' area".

A Piazza Municipio, il cantiere del Metro è stato aperto nel giugno 1999. Da allora i ritrovamenti archeologici sono stati numerosi. Confermando la stratificazione di civiltà che il sottosuolo di Napoli ripropone, nel gennaio 2004 è affiorato il Porto romano a 3 metri e mezzo sotto il livello del mare e 13 metri dall' attuale piano di calpestio.

Secondo gli archeologi il porto sarebbe stato attivo fino al 400 d.C., poi la zona divenne paludosa e nel VII secolo il Porto fu coperto da una strada. Dal terreno affiorarono oltre 200 reperti: una barca da carico di nove metri, anfore, monete corinzie, bottiglie in vetro contenenti unguenti, ceramiche, ancore di epoca romana. Tutto sorprendentemente intatto.

A gennaio 2008 i lavori per la stazione - che dopo molti rinvii dovrebbe essere inaugurata nel 2013 - portarono alla luce una bomba inesplosa della seconda guerra mondiale del peso di 500 libbre. Per farla esplodere gli artificieri dovettero evacuare oltre 1000 persone da 37 edifici nel raggio di 300 metri dal luogo di ritrovamento dell' ordigno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA