Percorso:ANSA.it > Photostory Curiosita' > News
Sei della casta? La pizza ti costa 100 euro

di Armando Petretta

NAPOLI - E venne il giorno della rivolta contro la casta in pizzeria. Il Masaniello dei nostri tempi si chiama Gino Sorbillo e da generazioni indossa un grembiule da pizzaiolo in una delle vie del centro storico di Napoli. Il suo locale ha aderito all'iniziativa anti casta promossa dal commissario regionale dei Verdi Francesco Borrelli: tariffe speciali per deputati e senatori che entrano nei locali aderenti, almeno una trentina. Cento euro per una pizza, 90 per un caffe', ben 350 per un panino: queste le tariffe imposte ai notabili, con proventi destinati a opere di bene.

Prezzi da capogiro, soprattutto in rapporto a quelli praticati dalla buvette del Parlamento. Ieri sera la prima pizza anti-casta, una salsiccia e friarielli, e' stata servita all'ignaro deputato del Pd Sergio D'Antoni, al quale il prelibato piatto e' costato la bellezza di 100 euro. La presenza nel locale dell'ex leader della Cisl, reduce dall'appuntamento di partito in corso nel capoluogo partenopeo, pare sia stata segnalata al titolare da alcuni clienti, che inizialmente non se ne era accorto. D'Antoni, raccontano i presenti, non ha battuto ciglio pagando il conto senza fiatare.

''La pizza era buona - ha poi commentato all'Ansa - magari un po' preziosa, ma buona, e non e' vero che mi e' rimasta sullo stomaco. Penso che campagne del genere vanno bene se servono ad alleggerire il clima in un momento cosi' difficile, a patto che non alimentino la generalizzazione, cioe' considerare tutti uguali, perche' cosi' si finisce per fare il gioco di Berlusconi. Comunque sono stato contento di pagare avendo saputo oltre tutto che i fondi vanno in beneficenza''.

''E' solo l'inizio - commentano i Verdi -. Sono gia' oltre trenta i locali che hanno aderito al progetto in tre giorni. Questa vicenda dimostra che se il popolo vuole la casta paga''. ''Ovviamente - sostengono i promotori della campagna - qualora i deputati italiani si riducessero i benefit e gli stipendi la nostra campagna si fermerebbe subito''.

''I primi 100 euro - racconta il titolare del locale, Gino Sorbillo - li donero' ad un centro per il sostegno ai poveri. Mi spiace per D' Antoni, ma adesso aspetto il ministro La Russa. Se si presenta gli chiedo 1.000 euro per un pizza perche' in piena crisi economica ha acquistato con il suo Ministero 19 Maserati''.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati