Percorso:ANSA.it > Photostory Curiosita' > News

Audrey Hepburn, non la diva ma la mamma

All'ara Pacis 130 foto dei 25 anni vissuti dall'attrice a Roma

03 ottobre, 17:14
Audrey Hepburn in una scena del film 'Vacanze romane' Audrey Hepburn in una scena del film 'Vacanze romane'
Audrey Hepburn, non la diva ma la mamma

di Patrizia Vacalebri

Una signora che passeggia solitaria con i suoi cani, che cammina in una viuzza del centro, una mamma che accompagna a scuola i suoi figli. Non e' la diva Audrey Hepburn, ma e' la donna reale ripresa in oltre 130 scatti inediti, immortalata in video e rievocata da oggetti a abiti personali, la protagonista di 'Audrey a Roma - Esterno giorno', mostra in programma al Museo dell'Ara Pacis, dal 28 ottobre al 4 dicembre, i cui incassi contribuiranno al progetto Unicef, di cui cui la diva divenne ambasciatrice nel 1987, per la lotta alla malnutrizione infantile in Ciad, sostenuto dalla onlus Club Amici di Audrey. Promossa dall'assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico del comune di Roma - Soprintendenza ai Beni culturali di Roma Capitale, assieme a Audrey Hepburn Children's Fund, Unicef, Club 'Amici di Audrey' di Desire' Colapietro Petrini e Zetema Progetto Cultura, la mostra e' stata curata dal figlio dell'attrice Luca Dotti, con Ludovica Damiani, Sciascia Gambaccini, Guido Torlonia e con la consulenza di Sava Bisazza Terracini.

''Finalmente abbiamo un album di famiglia - ha detto nel corso della presentazione Dotti, riferendo una frase del fratello Sean Hepburn Ferrer, primogenito dell'attrice e di Mel Ferrer, presente anche lui alla conferenza stampa -. Attraverso le foto inedite selezionate dagli archivi (di Reporters Associati, Photomasi, Istituto Luce e Kobal Collection) emerge non la diva-icona, ma una donna vera, cittadina di Roma, dove ha vissuto per 25 anni lasciando il set per fare la mamma dei suoi figli. E in seguito la mamma di quei bimbi dell'Africa che prendera' in braccio come ambasciatrice Unicef''. ''La mostra e' un tributo della capitale alla grande star - ricorda l'assessore alle Politiche culturali e centro storico del Comune di Roma Dino Gasperini - che proprio qui a girato i film Vacanze romane, Guerra e Pace e Storia di una monaca. Gli scatti mostrano la donna vera, la cittadina che ha con la capitale ha un rapporto intimo. Roma e' la citta' di elezione dove la diva ha deciso di diventare 'terrena'''.

Il 25 ottobre in apertura della mostra - che arriva nel 50mo anniversario di Colazione da Tiffany, uscito da poco in blue-Ray, e la cui versione restaurata chiudera' il Festival Internazionale del Film di Roma a novembre - sara' presentato inoltre il libro Audrey a Roma, a cura di Ludovica Damiani e Luca Dotti, con testi di Sciascia Gambaccini, edito da Mondadori, che ripercorre anche attraverso 192 foto il ricordo del rapporto tra Audrey e Roma e la sua vita privata. Nella mostra, considerando il legame tra Audrey e la storia della moda, le immagini saranno accompagnate da alcuni abiti e accessori. Creazioni di Givenchy, Valentino e altri che rappresentano la moda di quel periodo, attraverso abiti indossati da Audrey nella vita di tutti i giorni. Uno spazio sara' dedicato alle immagini dall'archivio Unicef che documentano i viaggi di Audrey tra i bambini di Bangladesh, Vietnam, Somalia, Sudan, Etiopia ed America Latina. Un video rivelera' infine momenti della vita privata della diva. La mostra abbraccia tre decenni: dagli anni '50 con Audrey sul set dei film girati a Roma; gli anni '60, con le serate di gala, le premiazioni, le apparizioni ufficiali; gli anni '70 lontano dalle scene per dedicarsi al suo ruolo di mamma e moglie

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati