Percorso:ANSA > Mondiali Sudafrica > Squadre > La storia

La storia

30 aprile, 10:56
Parigi: l'Italia di Pozzo ha appena vinto il suo secondo Mondiale, e' il 1938 Parigi: l'Italia di Pozzo ha appena vinto il suo secondo Mondiale, e' il 1938

Da Guillermo Stabile a Leo Messi, la storia dei Mondiali e quella ancora da scrivere. Diciotto edizioni prima del Sudafrica, un'epopea lunga 80 anni.

 

1930, URUGUAY: INIZIA L'AVVENTURA, LA PRIMA COPPA E' 'CELESTE'

Jules Rimet inventa la Coppa e gli da' il suo nome. In Uruguay 13 partecipanti - l'Italia non c'e' - e dominio sudamericano. I padroni di casa costruiscono lo stadio Centenario e battono 4-2 in finale gli argentini del cannoniere Stabile (8 gol).

 

1934, ITALIA: TRIONFO AZZURRO, I MONDIALI DIVENTANO EVENTO

Stavolta l'Italia c'e', gioca in casa e vince. E' un successo organizzativo del fascismo, in campo di Meazza e degli oriundi, di Pozzo in panchina. Gli azzurri affrontano due volte la Spagna del portiere Zamora, l'Austria e in finale la Cecoslovacchia, battuta 2-1 ai supplementari. Il gol decisivo e' di Schiavio.

 

1938, FRANCIA: L'ITALIA FA IL BIS, MEAZZA E POZZO DA LEGGENDA

L'Italia fascista e' invisa al Paese ospitante, ma conquista il secondo titolo. Pozzo entra nella leggenda con Meazza, in avanti affiancato da Piola. I brasiliani prenotano l'aereo per la finale, ma cadono con gli azzurri. Meazza segna il rigore del 2-0 tenendosi con la mano l'elastico dei calzoncini. La Coppa arriva con il 4-2 all'Ungheria, doppiette di Piola e Colaussi.

 

1950, BRASILE: L'URUGUAY FA PIANGERE UN POPOLO INTERO

Dopo la guerra si va in Brasile e i padroni di casa sono sicuri di vincere. L'Italia arriva in nave e non si riprende piu' dal viaggio. La Selecao domina il torneo, ma nel girone finale l'Uruguay di Schiaffino e Ghiggia prevale 2-1 e si prende il titolo. Ai brasiliani bastava il pari. Il dramma si consuma davanti ai 200 mila del Maracana'. Suicidi tra i tifosi.

 

1954, SVIZZERA: IMPRESA GERMANIA, L'UNGHERIA RESTA INCOMPIUTA

In Svizzera invece risorge una nazione, la Germania postnazista. I panzer perdono 8-3 con l'Ungheria nel girone, ma in finale rimontano due gol ai meravigliosi magiari di Puskas. Finisce 3-2, il capitano Fritz Walter alza la Coppa. Poi ci saranno i sospetti di doping sui tedeschi. Italia fuori al primo turno.

 

1958, SVEZIA: ECCO PELE', FINALMENTE IL BRASILE E' CAMPIONE

Per dare il primo titolo al Brasile ci vuole un ragazzo di 17 anni: Pele'. Con Didi' e Vava' un attacco di funamboli incanta il mondo. La finale con i padroni di casa, la Svezia di Liedholm, e' l'ennesimo show. La Selecao vince 5-2. L'Italia non c'era. Fontaine (Francia) fa 13 reti, e' record.

 

1962, CILE: O'REI E' FERITO, MA LA SELECAO VINCE ANCORA

Mondiale fosco per l'Italia, che viene fatta fuori dall'arbitro inglese Aston nel match con il Cile, tra botte ed espulsioni. Rivince il Brasile, talmente forte da fare a meno di Pele', infortunato da meta' torneo in poi. Lo sostituisce Amarildo e c'e' Garrincha. In finale Selecao batte Cecoslovacchia 3-1.

 

1966, INGHILTERRA: MAESTRI E ANCHE CAMPIONI, GERMANIA BEFFATA

All'Italia va ancora peggio: squadra talentuosa eliminata dal gol del dentista Pak Doo Ik. Da allora Corea significa disfatta. Incanta il Portogallo di Eusebio (9 reti), ma la coppa va agli inglesi, per una volta davvero maestri. In finale 4-2 alla Germania, con gol fantasma di Hurst nei supplementari.

 

1970, MESSICO: RIMET AL GRANDE BRASILE, ITALIA INDIMENTICABILE

Uno dei Mondiali piu' belli. L'Italia scrive la storia con il 4-3 alla Germania in semifinale, poi si arrende all'immenso Pele' e agli altri numeri 10 del Brasile. Finisce 4-1 tra le polemiche per la staffetta Mazzola-Rivera. La Selecao fa tris e si porta a casa la Rimet. Gli azzurri sono accolti a pomodori.

 

1974, GERMANIA: I PANZER SCHIACCIANO LA RIVOLUZIONE OLANDESE

Epifania del calcio totale: l'Olanda di Cruyff stupisce il mondo. Ma a vincere e' ancora la Germania, 20 anni dopo. I panzer non si fermano davanti al rigore lampo di Neeskens in finale e rimontano con Breitner (penalty) e il bomber Mueller. L'Italia esce subito, Chinaglia manda a quel paese il ct Valcareggi dopo un cambio.

 

1978, ARGENTINA: TRIONFA UN PAESE SOFFOCATO DALLA DITTATURA

Il Mondiale della dittatura e del 6-0 sospetto dell'Argentina al Peru', che toglie la finale al Brasile. Vincono gli argentini davanti al tiranno Videla, 3-1 ai supplementari sugli olandesi, ormai senza Cruyff. L'Italia da' spettacolo con Cabrini, Rossi e Bettega, ma Zoff si inchina ai tiratori di Brasile e Olanda. Azzurri quarti, la gloria e' solo rimandata.

 

1982, SPAGNA: ROSSI FA PABLITO, L'ITALIA E' 'TRICAMPEON'

Quarantaquattro anni dopo, l'Italia riconquista la Coppa. Contro il Brasile di Zico e altri fenomeni Rossi si consacra Pablito e l'impossibile e' azzurro. Il resto e' una cavalcata, la Germania surclassata 3-1 in finale. Il presidente Pertini in tribuna esulta come un ragazzino, il ct Bearzot ha fatto un capolavoro.

 

1986, MESSICO: MARADONA IL MARZIANO, E' DI NUOVO ARGENTINA

Il Mondiale di un solo uomo. Maradona e' l'Argentina, tra il gol di mano e quello immortale in slalom tra gli inglesi c'e' tutto Diego. In finale ancora piegata la Germania, indomabile nel rimontare due gol: decide Burruchaga a sette minuti dalla fine. L'Italia esce agli ottavi contro l'ultima Francia di Platini.

 

1990, ITALIA: NOTTI MAGICHE PER LA RIVINCITA DELLA GERMANIA

Spinti dai tifosi, dal talento di Baggio e dal 'fuoco' di Schillaci, gli azzurri emozionano e arrivano in semifinale, ma un errore di Zenga e i rigori premiano l'Argentina. All'Olimpico fischi feroci a Maradona e compagni, la Germania vince il terzo titolo con un rigore molto dubbio di Brehme. L'Italia e' terza.

 

1994, USA: MALEDETTI RIGORI, L'ITALIA CEDE ANCORA AL BRASILE

I rigori dannazione azzurra, stavolta costano il titolo. Avvio di torneo lento per l'Italia di Sacchi, poi Baggio la porta in finale con le sue prodezze. Il Brasile di Romario e Bebeto e' superiore, il Divin Codino acciaccato, ma la Selecao conquista solo dal dischetto il quarto Mondiale. Sbaglia anche Baggio.

 

1998, FRANCIA: ZIDANE E' IL RE DEI 'BLEUS' MULTIETNICI

Il Brasile stavolta ha Ronaldo, ma in finale sembra svuotato e i Bleus colpiscono due volte di testa con Zidane, fuoriclasse algerino in una nazionale multietnica. Finisce 3-0, Zizou riesce dove ha fallito Platini. L'Italia esce ai quarti proprio con la Francia, i rigori diventano un complesso nazionale.

 

2002, COREA-GIAPPONE: RONALDO RISORGE, IL BRASILE FA 'PENTA'

Primo Mondiale in due Paesi, lo vince il Brasile di Ronaldo e Rivaldo. Quinto titolo per la Selecao, la Germania perde ancora, la doppietta e' del Fenomeno. Italia fuori agli ottavi per il golden gol coreano di Ahn, ma anche per l'arbitro Moreno, che annulla la rete vittoria di Tommasi e caccia senza motivo Totti.

 

2006, GERMANIA: DA CALCIOPOLI EMERGE L'ITALIA DEL 4/O TITOLO

Il Mondiale piu' inatteso ed esaltante: dalla vergogna di Calciopoli un'Italia d'acciaio, che cresce passo dopo passo. In semifinale con i tedeschi 'Italia enamora al mundo', scrivono gli spagnoli dopo il 2-0 di Grosso e Del Piero. In finale la Francia di Zidane, che fa il cucchiaio su rigore e da' una testata a Materazzi, autore del pari. Ai rigori stavolta gli azzurri non sbagliano mai, Grosso sancisce la quarta Coppa.(ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati