Percorso:ANSA > Mondiali Sudafrica > News > Iniesta realizza sogno Spagna nella storia

Iniesta realizza sogno Spagna nella storia

Furie Rosse dopo Europeo vincono anche Mondiale

12 luglio, 16:31
Spagna campione del mondo Spagna campione del mondo

(dell'inviato Alessandro Castellani)

(ANSA) - JOHANNESBURG - Dall'Italia alla Spagna, regna comunque il calcio latino, e al sorriso impazzito di gioia di Fabio Grosso si sovrappone l'urlo di Andres Iniesta. E' lui, il castigliano che gioca nel Barcellona, esempio perfetto d'integrazione ed oggi uomo-simbolo di tutti gli spagnoli uniti sotto una sola bandiera, l'uomo che fa entrare la 'Roja' nella storia. Le regala il primo titolo iridato con un gol di destro a quattro minuti dalla fine dei supplementari. Stavolta non c'e' stato bisogno di finire ai rigori. Il conto e' stato chiuso a quattro minuti dalla fine dei supplementari, con un gol dell'asso del Barca, poi la Spagna ha resistito all'Olanda eterna cicala del Mondiale e, ottenendo il suo quinto successo di misura consecutivo in Sudafrica, ha conquistato il suo primo titolo.

Poi si e' messa la maglia rossa con la stella per andare a ricevere la Coppa dalle mani di Sepp Blatter, che stavolta ha deciso di premiare lui (non come a Berlino) la Nazionale vincitrice. Giusto cosi', per questa Nazionale da tempo la migliore del pianeta anche se stasera non ha brillato, come peraltro gli olandesi, bloccata da quella paura di scoprirsi che spesso caratterizza le finali. In questa serata i brividi piu' intensi, e un'emozione collettiva, piu' che il calcio li ha regalati l'apparizione di Nelson Mandela nella cerimonia di chiusura. In ogni caso, e tornando al pallone, e' arrivato il trionfo spagnolo da molti pronosticato, anche se non nel modo che ci si attendeva, ovvero attraverso il gioco. Ma e' bastato segnare il solito gol che prima o poi arriva sempre, e questa squadra, con un altro 1-0, ha scalato la piramide e conquistato il Mondiale dopo l'Europeo del 2008 a Vienna. Tutto cio' grazie ad una fioritura di campioni, una generazione d'oro che ha fatto tesoro e messo a frutto gli insegnamenti proprio dei maestri olandesi. Michels, Cruijff, Van Gaal, Beenhakker, Hiddink, Rijkaard: vengono tutti dai Paesi Bassi ma il successo della Spagna, ed il suo calcio d'attacco spesso interpretato con maestria, sono stati il frutto del loro lavoro tra Madrid, Barcellona e Valencia.

Nei tempi regolamentari, e prima dei supplementari giocati soprattutto a nervi tesi (con l'Olanda in dieci per gli ultimi 11' per doppio giallo a Heitinga), le due squadre, troppo consapevoli dell'importanza della posta in palio, si erano annullate a vicenda pur cercando di giocare al calcio. Il problema e' pero' che il nervosismo tracimava a volte in interventi con troppa irruenza, specie da parte degli olandesi, che costringevano l'inglese Howard Webb a tirare spesso fuori il cartellino giallo: nei primi 57' di gioco c'erano ben sette ammoniti (cinque gli arancione), ma non si puo' dire che l'arbitro fosse stato severo. Anzi, tutt'altro, perche' in due circostanze era sembrato fin troppo benevolo: prima con Van Bommel, che appena al 22' avrebbe meritato il rosso diretto per un brutto fallo su Iniesta; e poi con De Jong, che con troppa foga era entrato a mezza altezza colpendo in pieno petto con il piede Xabi Alonso. I falli, piu' che il gioco, erano stati la costante del primo tempo tempo, assieme ad un atteggiamento dell'Olanda ben diverso da quello della Germania in semifinale contro il gioco ragionato e fatto di trame fitte degli spagnoli.

Gli uomini del ct Van Marwijk, per nulla intimoriti, avevano risposto con un pressing asfissiante e cercando a loro volte di proporre gioco. In piu', visto che una finale e' spesso fatta anche di dettagli, avevano fatto estrema attenzione sui calci piazzati, punizioni e corner, agli inserimenti dei difensori spagnoli; correndo comunque dei rischi, visto che Sergio Ramos avrebbe potuto segnare gia' al 5' con un colpo di testa su punizione dell'onnipresente Xavi. Gli unici altri brividi erano provocati da una restituzione di palla agli spagnoli, con il tocco di Heitinga che, complici un rimbalzo sul terreno e lo Jabulani, stava per sorprendere Casillas, costretto alla deviazione in corner; ed un bel diagonale di Robben nel recupero. Nella ripresa l'Olanda, alla terza finale mondiale persa in altrettante occasioni, confermava la propria vocazione allo scialo con il suo uomo piu' dotato, quel Robben su cui Casillas interveniva di piede al 21', salvando il risultato e che al 38', ormai solo, non segnava perche' pretendeva di 'scartare' anche il portiere, facendosi invece togliere il pallone. Poco prima Heitinga era invece stato protagonista di un salvataggio su conclusione ravvicinata di Villa. Queste, piu' un altro bel colpo di testa di Sergio Ramos, erano state le emozioni di una finale in cui le squadre si sono soprattutto annullate a vicenda, fino alla fiammata che ha fatto impazzire la Spagna, che questa gioia immensa l'attendeva da troppo tempo.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati