Percorso:ANSA > Mondiali Sudafrica > Gli Arbitri > Jorge Larrionda

Jorge Larrionda

29 aprile, 14:20

Jorge Larrionda è nato il 9 marzo 1968 ed è internazionale dal 1998. Di professione giudice, è un grande amante degli animali, di cui tiene molti esemplari nella sua casa che, di fatto, è un piccolo zoo. E’ un grande giocatore della lotteria nazionale uruguayana “Cinco de Oro”, dove da 15 anni a questa parte sta giocando i medesimi numeri, senza però aver mai vinto niente.
   
La sua carriera internazionale inizia nel 2001, nella coppa America, in Colombia, dove dirige due gare della fase a gironi: Colombia-Cile 2-0 e Brasile-Perù 2-0. Dopo una sospensione di 6 mesi decisa nel 2002 dalla Federazione uruguayana, Larrionda torna in campo nel 2003, arbitrando 3 incontri alla Confederations Cup in Francia: Turchia-Stati Uniti 2-1 e Colombia-Giappone 2-0, entrambi nella fase a gironi, e Francia-Turchia 3-2, in semifinale. Nello stesso anno dirige la finale di coppa Libertadores, gara di ritorno, Santos-Boca Juniors 1-3.
   
Nel 2004 partecipa alle Olimpiadi di Atene, dirigendo 3 incontri: Grecia-Corea del Sud 2-2 ed Italia-Giappone 3-2, entrambi nei gironi eliminatori, ed Italia-Irak 1-0, finale terzo e quarto posto. Sempre nel 2004 dirige la finale di coppa Intercontinentale, vinta ai rigori 8-7 dal Porto sui colombiani dell’Once Caldas (0-0 al 90’ e 120’). Nel 2005 ha preso parte sia ai Mondiali Under 17 in Perù (dirigendo Ghana-Costarica 1-1 ed Olanda-Gambia 2-0, entrambe nei gironi eliminatori, e la finale terzo e quarto posto, Olanda-Turchia 2-1), sia ai Mondiali Under 20 in Olanda, dove ha arbitrato 4 gare in totale: Turchia-Panama 1-0, Spagna-Marocco 3-1 ed Italia-Canada 4-1, nella fase a gironi, oltre a Nigeria-Marocco 3-0, in semifinale, ma prendendo parte anche a 3 finali per club: quella di andata della Copa sudamericana (Pumas-Boca Juniors 1-1), quella di ritorno della coppa Libertadores (Atletico Paranaense-San Paolo 1-1) ed infine quella di ritorno della Recopa sudamericana (Once Caldas-Boca Juniors 2-1). Nel 2006 dirige la finale di andata di Copa Libertadores, San Paolo-Internacional Porto Alegre 1-2. Nel 2007 fa il bis in coppa America, in Venezuela, con 3 direzioni: Paraguay-Colombia 5-0 ed Argentina-Paraguay 1-0 nei gironi, oltre al quarto di finale, Brasile-Cile 6-1 e dirige anche l’ennesima finale di Libertadores, quella di andata, Boca Juniors-Gremio 3-0. Nel 2008 dirige la finale di ritorno della Copa sudamericana per club: Internacional Porto Alegre-Estudiantes 1-1. Nel 2009 è protagonista della finale di coppa Libertadores Estudiantes-Cruzeiro 0-0, gara di andata, oltre  ad aver diretto 2 gare della Confederations Cup in Sudafrica (Irak-Repubblica Sudafricana 0-0 nella fase a gironi e Stati Uniti-Spagna 2-0 in semifinale) e 4 gare ai Mondiali Under 20 in Egitto (Stati Uniti-Camerun 4-1 e Repubblica Sudafricana-Honduras 2-0 nella fase a gironi, Germania-Nigeria 3-2 agli ottavi di finale e Ghana-Ungheria 3-2 in semifinale).
   
Larrionda è arbitro dal cartellino rosso “facile”: il caso più clamoroso risale al 2003, quando nella semifinale di ritorno della Copa sudamericana per club, San Paolo-River Plate 2-0, cacciò 6 giocatori in totale, 3 per squadra, di cui ben 5 con il “rosso” diretto, ma per qualche giorno, dal 17 al 25 giugno 2006, è stato tra i 4 arbitri protagonisti del maggior numero di espulsioni in singola gara durante le fasi finali dei Mondiali (in Italia-Stati Uniti 1-1 del 17 giugno 2006 cacciò De Rossi, Mastroeni e Pope), prima che se ne verificassero 4 in Portogallo-Olanda 1-0 del 25 giugno 2006, decretate dal collega russo Ivanov. Nelle qualificazioni ai Mondiali 2010 ha diretto 6 incontri, con altrettanti successi casalinghi: nel girone sudamericano si ricordano Brasile-Ecuador 5-0, Colombia-Argentina 2-1, Paraguay-Brasile 2-0, Cile-Colombia 4-0 e Brasile-Cile 4-2, oltre al play-off Oceania-Asia di ritorno, con la vittoria interna della Nuova Zelanda sul Bahrein, per 1-0.
   
SECONDO MONDIALE. Larrionda è al secondo Mondiale in carriera dopo Germania 2006, in cui ha diretto 4 gare: Portogallo-Angola 1-0, Italia-Stati Uniti 1-1 e Francia-Togo 2-0 (tutte nella fase a gironi), oltre alla semifinale Francia-Portogallo 1-0, con 1 rigore concesso e 3 espulsioni decretate.

URUGUAIANO IL PRIMO ARBITRO DELLA STORIA MONDIALI. La curiosità principale che riguarda un fischietto uruguayano è riferita a Domingo Lombardi, che è stato uno dei due direttori di gara impiegati nella prima giornata dei Mondiali di calcio, il 13 luglio 1930: diresse Francia-Messico 4-1, a Montevideo (Uruguay), primo match assoluto nella storia della rassegna iridata.
    
GLI ASSISTENTI. I due assistenti che comporranno la terna arbitrale uruguayana accanto a Larrionda saranno i connazionali Mauricio Espinosa (nato il 6 maggio 1972, internazionale dal 2006) e Pablo Fandino (nato l’11 ottobre 1966, internazionale dal 2001).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati