Percorso:ANSA > In Viaggio > News > Egitto: Farnesina, emergenza non è finita

Egitto: Farnesina, emergenza non è finita

Ministero Esteri continua a sconsigliare i viaggi anche a Sharm e nel mar Rosso. Proseguono rimpatri, appello alla prudenza

02 febbraio, 13:53
La Farnesina continua a sconsigliare i viaggi non necessari in Egitto, compresi quelli nel Mar Rosso La Farnesina continua a sconsigliare i viaggi non necessari in Egitto, compresi quelli nel Mar Rosso

''La situazione e' fluida, ma l'emergenza e' tutt'altro che finita''. E' quanto ha spiegato il capo dell'Unita' di crisi della Farnesina Fabrizio Romano incontrando i cronisti sulla situazione in Egitto. ''Siamo in contatto con la nostra ambasciata: la situazione e' fluida''.

''Sconsiglio tassativamente agli italiani di recarsi in Egitto''. E' quanto dichiara l'Ambasciatore italiano in Egitto, Claudio Pacifico. ''C'e' obbligo di saggezza'' perche' anche nelle zone che in questo momento appaiono piu' tranquille, grazie all'intervento dell'esercito, ''la situazione potrebbe cambiare'' nel giro di poche ore..

La Farnesina
continua a sconsigliare i viaggi in Egitto, compresi quelli nel Mar Rosso. Intanto il ministero degli Esteri, attraverso l'ambasciata e l'Unita' di Crisi, continua a fornire assistenza agli italiani in Egitto. E mentre un nuovo volo  Alitalia riporta in Italia altri 200 connazionali, la Farnesina ribadisce ''la prudenza'' per quanto riguarda i viaggi. A fare il punto sulla situazione e' tornato il capo dell'Unita' di Crisi della Farnesina, Fabrizio Romano, che incontrando i giornalisti nella sala operativa, aperta 24 ore su 24, ha spiegato che la situazione nell'aeroporto del Cairo continua ''ad essere molto complicata''.


Lo scalo, preso d'assalto nei giorni scorsi da stranieri che volevano lasciare il paese, si sta svuotando.Nell'aeroporto e' presente un 'punto' dell'ambasciata italiana per assistere i connazionali che vogliono rimpatriare. Romano ha poi ricordato che e' arrivato in Egitto un C130 che ha portato nel Paese un team di esperti, tra i quali il vice dell'Unita' di Crisi, Nicola Minati, per aiutare a coordinare le operazioni di assistenza e affrontare le eventuali, possibili, emergenze. Il C130 ha anche portato militari del Tuscania per rafforzare la sicurezza all'ambasciata italiana. Dopo che - ha spiegato Romano - soprattutto nelle prime due giornate di manifestazioni si e' registrata una carenza di ordine pubblico nel Paese.  Per quanto riguarda invece il flusso turistico che vede nel Paese al momento ''migliaia di presenze'', ha spiegato Romano, l'Unita' di Cristi e' in costante collegamento con i tour operator e le loro associazioni di categoria. Con loro - ha spiegato - c'e' un forte raccordo e un coordinamento e collaborazione: ''Ci vediamo in continuazione e ci scambiamo i rispettivi dati''. Sul fronte delle mete turistiche mentre a Il Cairo e alcune altre zone del Paese restano ''complicate'', la situazione resta ''tranquilla'' a Sharm El Sheikh nel Mar Rosso. Ma anche per queste mete la Farnesina continua a ribadire che e' al momento 'imprudente' recarsi.

Si aggirerebbe intorno alle 15mila 500 persone la stima degli italiani presenti in Egitto. Il dato, fornito ieri nel corso di un incontro del capo dell'Unita' di crisi della Farnesina Fabrizio Romano con i cronisti, comprende una stima di circa 7mila turisti a cui si aggiungerebbero 8.500 presenze stabili. ''Si tratta comunque di stime'', ha spiegato Romano.

Il capo dell'Unita' di crisi ha ricordato che per le informazioni e gli aggiornamenti  si può consultare  il sito 'viaggiaresicuri'( www.viaggiaresicuri.it) , altre informazioni sono diffuse tramite Televideo-Rai, Facebook e Twitter. Aggiornamenti in tempo reale sulla situazione in Egitto su: www.ansa.it

Per quanto riguarda invece gli italiani residenti nel paese e le imprese, la Farnesina, tramite l'ambasciata e la rete consolare, ha chiesto ai connazionali di fornire indicazioni sulla collocazione delle loro abitazioni per ''facilitare gli eventuali soccorsi''. Ed e' stato attivato anche un help desk con Assafrica di Confindustria per l'assistenza alle imprese italiane nel paese. Piu' volte al giorno, ha aggiunto, vengono inviati sms con indicazione di numeri di emergenza ed informazioni sulle condizioni di sicurezza quali gli eventuali coprifuoco, i collegamenti e le zone a rischio.

L'Unita' di crisi ha messo a disposizione un numero (0636225) per ''qualsiasi richiesta, chiarimento o segnalazione'' sulla situazione in Egitto

Secondo Cinzia Renzi, presidente della Fiavet (la federazione che raggruppa circa 5 mila imprese turistiche), per quanto riguarda i soggiorni nel Mar Rosso ''la situazione e' tranquilla: ho parlato con dei colleghi che in questo momento si trovano li' e mi hanno riferito che in quella zona non ci sono problemi''.

Per coloro che decidono di rinunciare a viaggi in Egitto gia' prenotati e previsti la presidente della Fiavet ha ribadito che fintanto che restera' in vigore il 'warning' della Farnesina che sconsiglia i viaggi nel Paese, c'e' il diritto al rimborso: i turisti possono chiedere di essere rimborsati totalmente o, in alternativa, di avere un voucher da utilizzare in futuro o, ancora, di chiedere una destinazione sostitutiva. ''Ovviamente il diritto al rimborso varra' finche' restera' in vigore l'indicazione'' del Ministero degli Esteri che sconsiglia i viaggi nel Paese''.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati