Percorso:ANSA > In Viaggio > News > Storia dei Kleiner,baroni della Giornata Mondiale Cavalieri

Storia dei Kleiner,baroni della Giornata Mondiale Cavalieri

L'evento il 20 settembre a Fornovo (Parma)

03 agosto, 19:32

(di Simona Tagliaventi) (ANSA) - ROMA, 31 LUG - Si sono conosciuti 15 anni fa a un galà di beneficienza, si sono sposati e hanno deciso di fare della carità una delle loro ragioni di vita. Sono il Barone Hans Adrian Kleiner de Grasse di origine svizzera e francese e la Baronessa Ruama Pia Kleiner de Palma di Montecrestese, di origine italiana, che risiedono in Svizzera nel Castello di Laupen, Berna, ma anche in una villa della campagna friburghese e in un Castello in Francia. Hanno scelto l'Italia, in particolare il comune di Fornovo (Parma) per inaugurare, il 20 settembre prossimo, un evento unico al mondo: la prima Giornata Mondiale dei Cavalieri per la promozione dei valori cavallereschi e universali, con un risvolto benefico.
    Come tutti i nobili hanno uno stemma di famiglia che negli anni si è modificato. Oggi l'elemento del loro stemma è la torre, che dal 1750 ha un linguaggio-significato araldico di difesa e sicurezza; altro elemento sono le ali, simbolo di protezione, di rapidità e di elevazione. Il fondo dello stemma, di color marrone, indica: "Paziente nella battaglia ma finalmente vittorioso". Per battaglia, non si intende, per forza, solo quella fatta con le armi ma l'intento di portare avanti delle nobili cause.
    "Riedificare e rilanciare i valori umani e cavallereschi nella nostra società è diventato necessario e fondamentale - spiega il barone - I valori sono per tutti, non solo per la nobiltà. La vera nobiltà prende origine dal cuore e si manifesta nelle azioni quotidiane. Se noi applicassimo davvero i valori di base, ci sarebbero ancora la povertà o la guerra? Il popolo non vuole la guerra che in genere è voluta da organizzazioni più grandi. Quello che accade intorno a noi, ci ha portato a voler fare qualcosa. Ci auguriamo di far scoccare una nuova scintilla di positività. Abbiamo scelto l'Italia perché è sempre stato un Paese all'avanguardia, di cultura, di grandi opere, artisti e scienziati. Il mondo intero ha fatto e fa appello all'Italia per il suo inestimabile patrimonio culturale. Come viviamo adesso non si può continuare: il domani è nelle nostre mani e nella consapevolezza di poter, tutti, fare qualcosa".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA