Percorso:ANSA > In Viaggio > Idee > Roccaraso capitale dello sci mondiale 2012

Roccaraso capitale dello sci mondiale 2012

Nell'area sciistica abruzzese i mondiali dal 29 febbraio al 9 marzo

14 marzo, 18:37
Patitucci - Presidente comunità Alto Sangro, La Vallé (Quebec), Di Natale - Presidente sci club Roccaraso, Read (Quebec), Del Castello - Vice presidente comitato mondiali juniores, Di Donato - Sindaco di Roccaraso, Ciampaglia - Sindaco di Rivisondoli Patitucci - Presidente comunità Alto Sangro, La Vallé (Quebec), Di Natale - Presidente sci club Roccaraso, Read (Quebec), Del Castello - Vice presidente comitato mondiali juniores, Di Donato - Sindaco di Roccaraso, Ciampaglia - Sindaco di Rivisondoli

160 chilometri di piste, 36 impianti di risalita, paesaggi mozzafiato. Roccaraso, un paese di mille abitanti nel Parco nazionale della Maiella, è il cuore della più vasta area sciistica del Mediterraneo, il comprensorio degli Altipiani Maggiori d’Abruzzo, da tempo perla degli appennini. Qui si sono svolti dal 29 febbraio al 9 marzo i mondiali juniores di sci alpino. E’ la sesta volta che l’Italia ospita i Campionati Mondiali Juniores di sci alpino, istituiti dalla FIS nel 1982 nella scia dei Campionati Europei nati nel 1972 e inaugurati dalla vittoria di Herbert Plank in discesa libera. Dopo Sestriere, Madonna di Campiglio, Montecampione e Tarvisio, a sette anni di distanza dall’ultima rappresentazione italiana di Bardonecchia nel 2005, è toccato all’Abruzzo, con Roccaraso e Rivisondoli, organizzare l’appuntamento clou della stagione per il mondo dell’agonismo giovanile, la prima passerella di rilievo internazionale che mette in palio medaglie e il passaporto per un futuro nel Grande Sci. Nella «Capitale dello sci del Centro-Sud» si sono confrontati gli atleti della categoria Giovani compresi nelle classi anagrafiche 1992/1996.

 

Per la prima volta nella storia l’evento top dell’agonismo giovanile viene organizzato sugli Appennini e così a Sud, nella più celebre e blasonata ski area sciistica abruzzese, che vanta già molti quarti di nobiltà agonistica avendo ospitato nel recente passato numerose gare FIS, la Coppa Europa, finali comprese e prove di Coppa del Mondo Carving. Per Roccaraso e il comprensorio dell’Alto Sangro, per tutti gli Enti Locali della Regione, della Provincia e del Comune con i loro rappresentanti che hanno voluto fortemente l’evento, si tratta di un’ulteriore tappa nella affermazione della località a livello internazionale, l’occasione per esibire una volta di più il livello di efficienza logistica, la qualità tecnica dei percorsi di gara, l’elevato standard dell’ospitalità e dell’accoglienza che consentono di porre la stazione invernale abruzzese sullo stesso piano delle più rinomate e attrezzate località alpine. Sono 48 le Nazioni che hanno iscritto atleti per i Mondiali. E’ rappresentato un po’ tutto il globo grazie alla presenza di atleti dei 5 continenti.

 

Tra i Paesi meno alpini, spicca lo Zimbawe con l’unico suo rappresentante Like Steyn, classe 1993, che ha debuttato in Coppa del Mondo nello slalom di Schladming. Partecipano ai Mondiali junior 2012 un totale di 530 tra atleti e tecnici. 280 sono gli atleti, 117 donne e 163 uomini e 250 i tecnici così suddivisi: 130 allenatori (compresi i preparatori atletici), 40 skimen, 41 capi squadra, 24 dirigenti dei federazione, 10 dottori (tra medici e fisioterapisti) e 5 psicologi.  

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati