Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Rinnovabili > Legambiente,Italia ferma eolico off-shore,15 progetti a palo

Legambiente,Italia ferma eolico off-shore,15 progetti a palo

Report,potenzialità per quasi 2 mln famiglie. Renzi scelga clima

15 giugno, 17:43
(ANSA) - ROMA, 15 GIU - ''Oggi è il Wind day ma l'Italia non lo festeggia'', anzi nel nostro Paese ''l'eolico off-shore'' è sotto scacco di regole incerte e mancanza di visione: la situazione è infatti di uno ''stop'' diffuso. La pensa così Legambiente che, in un nuovo report, racconta dei 15 progetti di impianti eolici (presentati tra il 2006 e il 2013) a largo delle coste italiane dalla Sardegna alla Sicilia alla Puglia che sono però al palo o neanche in cantiere. Allo stesso tempo, l'associazione invita ''il premier Matteo Renzi a cambiare verso alle politiche per il clima, il mediterraneo e l'energia'', facendo presente che ''i fatti parlano chiaro'' e dicono che finora sono state fatte ''scelte forti e modifiche normative solo per le fonti fossili''.

Legambiente fa presente di come sia l'attuale governo che i precedenti ignorino ''le forti potenzialità di valorizzazione dell'energia del vento'' stimate dall'Anev (Associazione nazionale energia del vento) ''in circa 2.500 MW (Megawatt) capaci di soddisfare i fabbisogni elettrici di 1,9 milioni di famiglie''. In coerenza con le direttive europee, spiega Legambiente, ''il Piano di azione nazionale prevedeva per gli impianti eolici off-shore un obiettivo crescente dai 100 MW che si sarebbero dovuti installare nel 2013 fino a 680 MW nel 2020''. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA