Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Rinnovabili > Un bond per rilanciare le rinnovabili

Un bond per rilanciare le rinnovabili

Proposte di Anie Confindustria

10 giugno, 16:36
(Archivio) (Archivio)

Per rilanciare il settore delle rinnovabili piuttosto che una norma 'taglia bollette', conosciuta anche come 'spalma incentivi', sarebbe più efficace "un meccanismo di emissione di bond che coinvolga il Gse (Gestore servizi energetici) e la Cassa Depositi e Prestiti". La proposta è della Federazione delle imprese elettrotecniche ed elettroniche Anie Confidustria il cui presidente Claudio Andrea Gemme spiega che questa misura è "di fatto, più efficace perché consente di incidere sulla componente A3 della bolletta, ovvero quella degli oneri di sistema che garantiscono dei risparmi molto più ingenti e immediati".

La ricetta di Anie Rinnovabili per lo sviluppo del settore, si legge in una nota, indica "innanzitutto, uno snellimento burocratico, realizzabile a costo zero, mediante una semplificazione delle procedure autorizzative, di connessione e di accesso alla rete che porterebbe a una diminuzione dei costi degli impianti fotovoltaici fino al 15-20%. È necessario poi - prosegue - così come più in generale nell'industria italiana, facilitare l'accesso al credito per le imprese, per esempio con l'introduzione di un fondo speciale (come il Fondo Rotativo di Kyoto) per garantire tassi agevolati. Altra misura sarebbe l'estensione della detrazione Irpef al 50% anche ai soggetti giuridici e il supporto incentivante alla sostituzione dell'amianto".

"Quello che serve all'Italia - secondo Gemme - è la pianificazione di una serie di azioni per lo sviluppo del settore industriale delle fonti energetiche alternative, che deve prescindere da interventi limitati e dalla portata insufficiente come la norma cosiddetta 'spalma incentivi'. Per fare questo, occorre che il nostro Paese torni a riprendersi un ruolo di primo piano nello scenario europeo, orientando e non subendo le scelte comunitarie. Ne va di tutta nostra industria manifatturiera, che è la seconda in Europa".

In occasione di un tavolo di confronto sul settore che si è tenuto ieri a Milano nella sede di Anie, il presidente dell'Ifi (Industrie fotovoltaiche italiane) Alessandro Cremonesi ha espresso la volontà da parte del Comitato di aderire ad Anie Rinnovabili.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA