Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Rifiuti & Inquinamento > Ecodom, +15% riciclo elettrodomestici nel 2014

Ecodom, +15% riciclo elettrodomestici nel 2014

Corretta gestione rifiuti è una miniera di materie prime

16 settembre, 11:28
Ecodom, +15% riciclo elettrodomestici nel 2014 Ecodom, +15% riciclo elettrodomestici nel 2014

Nel primo semestre del 2014, in crescita di oltre il 15% rispetto allo stesso periodo del 2013, sono state trattate circa 35.000 tonnellate di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee): in particolare 16.300 tonnellate di R1 (come frigoriferi, congelatori, condizionatori) e 18.500 tonnellate di R2 (ovvero lavatrici, lavastoviglie, scalda-acqua, forni, cappe). Sono i dati che diffonde il Consorzio italiano per il recupero e riciclaggio degli elettrodomestici (Ecodom), in occasione dell'annuncio della rinnovata collaborazione con Legambiente per l'iniziativa "Puliamo il mondo", la cui XXII edizione si svolgerà dal 26 al 28 settembre 2014 con 4.000 studenti di 77 scuole distribuite in tutta Italia. La corretta gestione di questi rifiuti nei primi sei mesi dell'anno, fa sapere il consorzio, ha evitato l'immissione in atmosfera di circa quattrocento mila tonnellate di CO2 e un risparmio energetico di più di 35 milioni di kWh,rispetto all'energia necessaria per estrarre materiale "vergine".

"Ogni apparecchiatura elettrica ed elettronica è una "miniera" di materie prime che possono essere riciclate- ha dichiarato Mauro Cola, Presidente di Ecodom - utilizzando una quantità di energia molto inferiore a quella necessaria per estrarre le stesse materie prime dalle miniere".

A fronte di questi ottimi risultati e in previsione della prossima edizione di "Puliamo il Mondo", l'Ecodom ha ricordato le "cinque regole d'oro" per disfarsi del proprio vecchio elettrodomestico". Secondo il consorzio: non bisogna mai buttare i Raee nella spazzatura indifferenziata; portare i rifiuti alle isole ecologiche più vicine; in caso di acquisto di un nuovo elettrodomestico, consegnare il vecchio al negoziante che è tenuto a ritirarlo gratuitamente (sfruttando il decreto "Uno contro Uno", in vigore dal giugno 2010); richiedere il ritiro a domicilio per i Raee ingombranti, servizio presente in molti comuni; ed infine, ricordare che i rifiuti da apparecchiature elettroniche possono diventare preziose risorse se correttamente riciclati.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA