Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Rifiuti & Inquinamento > Ilva:Peacelink a cabina regia per bonifiche,chi inquina paga

Ilva:Peacelink a cabina regia per bonifiche,chi inquina paga

Depositata lettera min. Ambiente, 'Provincia trovi responsabili'

30 luglio, 16:18
TARANTO - L'associazione Peacelink Taranto ha consegnato stamani ai componenti della 'cabina di regia' istituita con il 'Protocollo di intesa per interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto' una lettera del 23 maggio scorso del ministero dell'Ambiente con cui l'avvocato Maurizio Pernice specifica che è compito della Provincia di Taranto ''l'individuazione delle responsabilità in ordine all'inquinamento riscontrato'' sul territorio, ai sensi dell'art. 244 del decreto legislativo 152/2006.

Il carteggio messo agli atti della riunione odierna della 'cabina di regia', a cui hanno partecipato le associazioni ambientaliste, verrà portato anche all'attenzione della Procura della Repubblica ''al fine di individuare - spiega in una nota il presidente di Peacelink Taranto, Alessandro Marescotti - chi in questi anni non ha applicato l'obbligo 'chi inquina paga', presente nella direttiva europea 35/2004 e recepito nel Codice dell'Ambiente (decreto legislativo 152/2006)''.

Proprio in base a questa normativa, il ministero dell'Ambiente invitava nella lettera del 23 maggio la Provincia di Taranto allo ''svolgimento delle opportune indagini volte ad identificare il responsabile dell'evento di superamento dei valori di concentrazione soglia di contaminazione''.

''E' veramente preoccupante - commenta Marescotti - che dopo tante sollecitazioni non si sappia ancora chi ha contaminato il suolo del quartiere Tamburi di Taranto accanto al quale, come è noto, sorge l'Ilva, la più grande acciaieria d'Europa''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA