Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Rifiuti & Inquinamento > Cassonetti intelligenti per rifiuti elettrici

Cassonetti intelligenti per rifiuti elettrici

Ogni 'deposito' sara' tracciato anche con tessera sanitaria

08 maggio, 15:47
Arrivano i cassonetti intelligenti per rifiuti elettrici (foto: Hera) Arrivano i cassonetti intelligenti per rifiuti elettrici (foto: Hera)

ROMA - Arrivano i primi 'cassonetti intelligenti' d'Europa. Si tratta del progetto del gruppo Hera, Ecolight (Consorzio nazionale per la gestione dei rifiuti elettronici, delle pile e degli accumulatori a fine vitae) e Fondazione spagnola Ecolum, per raccogliere i Raee (Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) in modo differenziato, che parte a Bologna e in altre citta' dell'Emilia-Romagna.

Ogni conferimento sara' tracciato, anche utilizzando la tessera sanitaria, e grazie alla sperimentazione sara' possibile recuperare materiali preziosi oltre che tutelare l'ambiente.

Inoltre sono previsti dei benefit per i cittadini piu' virtuosi, tipo buoni d'acquisto per i supermercati.

Il progetto sperimentale 'Identis Weee' - sostenuto dall'Ue e portato avanti da Hera e che vale circa 3,5 milioni di cui il 50% sostenuto dall'Ue e il restante dalla multiutility e dagli altri partner - ha l'obiettivo di raddoppiare la raccolta di materiali come cellulari, lampadine, giocattoli elettronici, tv, elettrodomestici, che hanno un impatto ambientale notevole e contengono materiali preziosi (come, per esempio, ferro, alluminio, vetro, tungsteno) che si possono recuperare e riutilizzare. Poi, punta a renderli tracciabili: i nuovi contenitori smart, unici in Europa, si apriranno con tessere magnetiche di uso comune (come la tessera sanitaria ma soltanto da Mediaworld, Leroy Merlin e Ikea) e card Hera in distribuzione alle 19 mila famiglie che partecipano alla distribuzione, in modo da controllare e seguire il corretto smaltimento. E in alcuni territori, sara' possibile usare anche con il codice a barre della bolletta rifiuti Hera del 2012.

I contenitori previsti sono di diverse tipologie. Quelli stradali, di color bordeaux, sono pensati solo per i piccoli elettrodomestici. Gli altri due tipi di cassonetti saranno invece collocati in zone commerciali di alcune citta'della regione (Bologna, Ravenna, Ferrara e Rimini) in modo da coinvolgere piu' cittadini. I piu' grandi (Raeeparking) saranno collocati nei parcheggi dei centri commerciali e potranno accogliere piccoli elettrodomestici, televisori, monitor, aspirapolvere, neon. L'altra tipologia, piu' piccola (RaeeShop), sara' invece collocata all'esterno di alcuni negozi e accogliera' piccoli Raee come radio, rasoi, frullatori, orologi, cellulari. In caso di eventi particolari sara' possibile anche l'uso del Raeemobile.

Secondo dati recenti dell'Unep (il programma per l'ambiente dell'Onu) nel mondo si producono 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici all'anno e solo il 10% di questi viene riciclato. In Ue si stima che il 75% dei rifiuti elettronici europei (8 milioni di tonnellate l'anno) sia esportato illegalmente. Nel 2012 sono state raccolte in Italia 240 mila tonnellate di Raee, circa 4 kg all'anno a testa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA