Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Rifiuti & Inquinamento > Riciclo carta, italiani virtuosi ma non lo sanno

Riciclo carta, italiani virtuosi ma non lo sanno

Ricerca Ipsos per consorzio Comieco, 7 su 10 inconsapevoli

17 aprile, 15:58

Bene il riciclo della carta, ma gli italiani non lo sanno. Secondo la fotografia scattata dal sondaggio di Ipsos per Comieco (Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica), sette italiani su dieci non sono consapevoli dell'eccellenza italiana nel settore.

Con quota tre milioni di tonnellate nella raccolta differenziata nel 2010, l'Italia e' seconda solo alla Germania nella filiera della produzione e riciclo di carta e cartone, ma i cittadini dimostrano di avere a riguardo una conoscenza disomogenea e superficiale.

Come emerge dal sondaggio presentato a Roma in occasione dell' apertura dell'undicesima edizione di Riciclo Aperto - iniziativa di Comieco che apre ai cittadini le porte delle aziende della filiera di recupero e riciclo carta - ''il 25% non ha idea della percentuale di carta riciclata nel Paese'' e solo un quarto colloca correttamente l'Italia tra i paesi piu' ricicloni in questo settore. In particolare poi, nonostante nella provincia di Lucca e di Frosinone siano consapevoli del ruolo molto importante rivestito dal distretto cartario nell'economia locale, gli intervistati ''non sanno indicare l'attivita' specifica svolta dalla aziende sul proprio territorio''.

''Quello del riciclo di carta e' un settore che produce ricchezza e benefici ambientali oltre ad essere un'eccellenza a livello europeo - ha commentato Carlo Montalbetti, Direttore generale del Consorzio - nel 2010 infatti e' stato recuperato e riciclato circa il 90% degli imballaggi immessi al consumo. Un risultato notevole soprattutto considerando che il tasso di riciclo medio europeo si attesta al 68,9%''

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA