Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Nucleare > Energia: fusione, Iter, ritorno da 500mln per Italia

Energia: fusione, Iter, ritorno da 500mln per Italia

Almeno 25 contratti assegnati alle aziende

05 aprile, 16:58
(ANSA) - ROMA, 5 APR - E' in attivo il bilancio della ricerca e dell'industria italiana impegnate sulla fusione nucleare: il ritorno economico della partecipazione al programma internazionale e' calcolato in 500 milioni, relativi a oltre 25 contratti assegnati a imprese italiane. Sono i dati presentati oggi a Roma dall'on. Amalia Sartori, presidente del comitato Industria, Ricerca ed Energia del Parlamento Europeo, nel convegno sulla fusione nucleare organizzato dall'Enea.

''E' utile guardare con grande interesse al progetto Iter'', ha aggiunto Sartori riferendosi al progetto internazionale che prevede la costruzione di un reattore sperimentale a fusione in Francia, a Cadarache. ''Tutto ci fa ritenere che anche per il futuro ci sia la possibilita' di avere gli stessi risultati'', ha aggiunto.

Un punto di vista condiviso dal commissario dell'Enea, Giovanni Lelli, per il quale ''l'Italia ha tutte le carte per competere a livello internazionale. Fin da ora, comunque, e' importante prepararsi a mantenere in futuro questo ruolo e l' Italia intende a farlo con il reattore dimostrativo Fast (Fusion Advanced Studies Torus), sviluppato dall'Enea e dalla Comunita' Europea dell'Energia Atomica (Euratom). Per il direttore dell' Associazione Euratom-Enea, Aldo Pizzuto, ''senza un nuovo esperimento l'Italia perderebbe capacita' di innovazione e possibilita' di alta formazione, con conseguenze negative sul settore industriale''. (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati