Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Natura > Italia top parchi, celebra 50 anni premio europeo

Italia top parchi, celebra 50 anni premio europeo

Consiglio Europa festeggerà anniversario a San Rossore a maggio

15 marzo, 13:06
Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli

di Samantha Agrò
L'Italia è al cuore e al vertice del sistema di protezione ambientale europeo, seconda dietro solo la Germania. Nel nostro Paese si trova quasi il 10% dei parchi e riserve naturali che possono vantarsi di avere il Diploma europeo per le aree protette del Consiglio d'Europa, che ha deciso di celebrare il 50esimo anniversario dell'ambito riconoscimento in Toscana, a maggio, nel Parco di San Rossore.

Istituito 50 anni fa dal Consiglio d'Europa, il Diploma è infatti uno dei premi internazionali più prestigiosi, in quanto tra i più difficili da ottenere ma soprattutto mantenere. Per assicurarselo un Paese deve non solo dimostrare che il parco o la riserva sono un'area naturale di eccezionale importanza per la preservazione della diversità biologica, geologica e paesaggistica europea. Ma deve anche riuscire a convincere gli esperti indipendenti che valutano la candidatura che l'area protetta è gestita nel migliore dei modi. E l'Italia c'è riuscita ben 7 volte, superata solo dalla Germania (8), potendosi fregiare del più alto numero di aree naturali di eccezionale importanza europea che al momento sono 73.

E proprio l'Italia il 21 e 22 maggio prossimi ospiterà l'evento 'clou' con cui il Consiglio d'Europa festeggerà i 50 anni dell'istituzione del Diploma. L'evento avrà luogo nel Parco regionale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli, che ha ottenuto il riconoscimento nel 2005, ed è riuscito a farselo rinnovare per ora fino al 2019. La due giorni, organizzata dal Consiglio d'Europa e dall'Ente del Parco e sponsorizzata dal Ministero per l'ambiente e la Regione Toscana, riunirà gli esperti e i manager delle 73 aree protette situate in 28 Paesi per discutere su come continuare a proteggere questo patrimonio eccezionale per i prossimi 50 anni.

Il primo parco italiano a ottenere il Diploma è stato il Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. Era il 1967, e da allora se lo è sempre visto rinnovare. "Il fatto che un Parco non si guadagni per sempre il Diploma ma che debba dimostrare di continuare a meritarselo, e che il Diploma possa essergli tolto se non vengono rispettate certe condizioni, è uno degli elementi che fa di questo premio un riconoscimento così ambito", spiegano al Consiglio d'Europa. Sinora l'Italia non si è mai vista rifiutare i rinnovi, come invece è accaduto ad altri Paesi. Anzi, negli anni si sono aggiunti la riserva naturale di Sasso Frattino (1985), quella dell'Isola di Montecristo (1988), il Parco regionale della Maremma (1992), e il Parco naturale delle Alpi Marittime (1993). Gli ultimi a guadagnarsi il Diploma sono stati proprio San Rossore e, nel 2006, il Parco nazionale del Gran Paradiso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA