Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Natura > Fenicotteri in pericolo per fari stadio Is Arenas

Fenicotteri in pericolo per fari stadio Is Arenas

Denuncia Wwf e appello a sindaco Quartu, stop al nuovo impianto

10 settembre, 09:54

  Ambientalisti contro il nuovo stadio del Cagliari a Quartu Sant'Elena. I fari dell'Is Arenas, accesi in occasione delle prove tecniche e della partita Cagliari-Atalanta, disputata in notturna, illuminano a giorno lo stagno di Molentargius e spaventano la fauna selvatica.

E' l'allarme lanciato dal presidente del Wwf Sardegna Antonello Secci in una lettera-Sos al sindaco di Quartu Mauro Contini. Un vero e proprio grido d'allarme: ''Faccio appello alla sua sensibilita', in qualita' non solo di primo cittadino, ma soprattutto in qualita' di presidente del Consorzio del Parco del Molentargius: interrompa il rapporto di collaborazione col Cagliari Calcio affinche' ai danni ambientali gia' acclarati nel compendio del Molentargius non se ne aggiungano altri''.

Il Wwf, che gia' in altre occasioni si era lamentato della situazione dell'area umida tra Cagliari e Quartu, e' preoccupato per quello che potra' succedere quando lo stadio sara' aperto al pubblico. ''Tutto cio' - continua Secci - comportera' un traffico veicolare e un impatto acustico e luminoso che puo' essere devastante per le specie di uccelli e gli habitat dello stagno che si trovano a poca distanza. Ricordo che proprio grazie alla presenza di queste specie protette sottoposte a rigorosa tutela sono stati spesi o sono in fase di spesa oltre 81 milioni di euro. Non riteniamo sostenibile la presenza di uno stadio per le partite di serie A a ridosso e ricadente all'interno di un'area protetta inserita nella Rete Natura 2000 come Zona di Protezione Speciale''.

Secondo gli ambientalisti il rischio e' talmente elevato da ritenere ''lecito attendersi anche un'ordinanza dell'assessore regionale all'Ambiente Giorgio Oppi, sulla base dell'articolo 23 della legge istitutiva del parco a fronte di pericolo di danno ambientale''. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA