Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Mobilità > Newton, il primo autocarro 100% elettrico

Newton, il primo autocarro 100% elettrico

Già in servizio a Milano

09 giugno, 19:37
Presentato a Milano primo autocarro 100% elettrico Presentato a Milano primo autocarro 100% elettrico

Ha un peso a pieno carico di 10 tonnellate, misura quasi 9 metri in lunghezza e ha un'autonomia di oltre 200 chilometri: si chiama Newton, come il celebre matematico e filosofo inglese Isaac, ed è il primo autocarro adibito al trasporto merci completamente elettrico in Italia. Il suo gemello negli Stati Uniti è stato tenuto a battesimo dal presidente Barack Obama. Il mezzo in servizio effettivo sulle strade della città di Milano è stato presentato nella sede della Provincia, che ha patrocinato l'iniziativa della società di trasporti lombarda ma di origini scandinave, Niinivirta Transport.

Newton è un autocarro medio pesante costruito dall'azienda britannica Smith Electric di Newcastle, un mezzo di grandi dimensioni spinto unicamente da un motore elettrico al 100 per cento che eroga 120 Kw, dotato di un sistema automatico di recupero energia in frenata e equipaggiato con pneumatici Continental LSR 1+, dotati di un sistema per il monitoraggio della pressione di gonfiaggio e la temperatura di esercizio. Il primo esemplare ha già iniziato il servizio nel centro di Milano, per una catena di abbigliamento low cost: "è un mezzo deputato a servire le grosse consegne nei centri storici delle grandi città che sono off limits durante le ore del giorno per i mezzi tradizionali - ha spiegato il presidente e amministratore delegato di Niinivirta Transport Spa, Paolo Ferraresi - con raggio di azione nelle province di Milano, Lodi, Crema e Cremona". Il costo di un autocarro è di 160 mila euro e può raggiungere una velocità massima di 85 km/h, con un'autonomia di 200 chilometri al 50 per cento del carico massimo. Il tempo di ricarica da 0 a 100 per cento è di circa 8 ore a 63 ampére. In assenza di colonnine per la ricarica in città per questi mezzi Newton per il momento deve rientrare in ditta per la ricarica.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA