Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Istituzioni e UE > Provincia Trento chiede modifica norme gestione Orsi

Provincia Trento chiede modifica norme gestione Orsi

Rossi, ministro ci dia autorizzazione a prelievi e soppressioni

14 luglio, 18:18

TRENTO - La Provincia di Trento vuole modificare le norme per la gestione degli orsi chiedendo al ministero dell'Ambiente più libertà in chiave preventiva e l'autorizzazione a prelievi e soppressioni di esemplari pericolosi. Lo ha annunciato il presidente Ugo Rossi precisando che "finalmente è arrivata dal ministero la disponibilità ufficiale a costituire una commissione tecnica per la gestione dell'orso".

"Per prima cosa - ha sottolineato Rossi - è necessario modificare Pacobace, il Piano d'azione interregionale per la conservazione dell'orso Bruno sulle Alpi Centro-orientali, in modo da effettuare, nel rispetto della specie protetta, prelievi e soppressioni non solo in caso di pericolo ma anche in caso di danni gravi ripetuti, per prevenire situazioni pericolose. Le direttive europee lo consentono". Altra questione è il numero degli esemplari. "Presenteremo al ministro un dossier in cui si evidenzia - ha aggiunto Rossi - come tutti gli orsi del Trentino si trovano in un determinato territorio, per cui non c'è stato il previsto allargamento sulle Alpi centrali, soprattutto da parte delle femmine, come prevedeva il progetto Life Ursus di 18 anni fa". "Ci sono stati ripetuti episodi di frequentazione di ambienti umani per cui bisogna porre il problema del numero di esemplari da mantenere per abbattere i rischi", ha sottolineato Rossi che ha chiesto al ministero l'autorizzazione a usare speciali spray antiorso. Intanto, ha concluso Rossi, resta in vigore l'ordinanza per la cattura dell'orsa responsabile delle recenti aggressioni contro uomini. "Siamo pronti a prendere provvedimenti ma solo i prelievi organici potranno darci la certezza", ha concluso. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA