Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Energie Tradizionali > Enel firma intesa con Messico su geotermia

Enel firma intesa con Messico su geotermia

Conti, accordo è base lavoro comune

14 gennaio, 18:57
Enel firma intesa con Messico su geotermia Enel firma intesa con Messico su geotermia

Scambio di informazioni ed esperienze fra Enel e Messico nei settori delle smart grids e della generazione geotermica attraverso la realizzazione di progetti pilota, programmi di formazione e trasferimento di tecnologia nelle rispettive aree di interesse.

Fulvio Conti, amministratore delegato di Enel, e José Luis Fernàndez Zayas, direttore esecutivo dell'Instituto de Investigaciones Eléctricas, l'ente messicano di ricerca per il settore elettrico, hanno firmato a Città del Messico un memorandum d'intesa per la cooperazione nell'ambito della generazione geotermica e delle smart grids. La firma è avvenuta nel Palazzo Presidenziale alla presenza del Presidente del Consiglio italiano, Enrico Letta, e del Presidente messicano, Enrique Peña Nieto, nell'ambito del summit governativo bilaterale.

"Siamo molto soddisfatti della firma di questo accordo - ha commentato Fulvio Conti a margine della cerimonia - grazie al quale condivideremo con il governo messicano il nostro indiscusso know-how nel settore. Enel ha una lunga esperienza nel settore geotermico e sta sviluppando ulteriori progetti per l'utilizzo di questa risorsa in molti Paesi. Per quel che riguarda le smart grids, Enel è stata la prima azienda al mondo ad installare su larga scala sistemi di smart metering e oggi, grazie alla leadership acquisita, coordina il progetto europeo Address per la ricerca di soluzioni che integrino la domanda di energia".

L'obiettivo del governo messicano è quello di realizzare progetti per lo sviluppo delle smart grid nel paese, migliorando l'efficienza e la qualità del servizio. A ciò si aggiunge la diversificazione delle fonti di generazione come fattore chiave per il rafforzamento della sicurezza di approvvigionamento attraverso l'aumento del contributo delle rinnovabili al mix energetico del Paese.

L'AD Fulvio Conti ha inoltre guidato la delegazione degli imprenditori italiani al Business Council Italia-Messico che si è riunito oggi alla presenza del Presidente del Consiglio Enrico Letta. Il Consiglio è stato creato nel 2012 con l'obiettivo di riunire le più importanti aziende italiane e messicane e organizzare forum di discussione, con la partecipazione dei Governi dei rispettivi Paesi, sulle opportunità di sviluppo e rafforzamento delle relazioni bilaterali commerciali e di business.

Enel opera in Messico attraverso la controllata Enel Green Power che è presente nel Paese dal 2007 in seguito all'acquisizione di tre impianti idroelettrici con una capacità installata di 53 MW. Nel 2012 la società ha messo in esercizio due parchi eolici nello Stato di Oaxaca per un totale di 144 MW. Inoltre, nel 2013 ha avviato la costruzione di due ulteriori parchi eolici nella stessa regione per 202 MW di capacità complessiva. Fino ad oggi gli investimenti di Enel Green Power in Messico ammontano a circa 800 milioni di dollari statunitensi.

In America Latina, il Gruppo Enel, tramite Endesa con le sue filiali in 5 Paesi, rappresenta il più grande operatore privato del settore con circa 16 GW di capacità installata e circa 14 milioni di clienti. Va poi aggiunta per il Gruppo la presenza di Enel Green Power che gestisce impianti da fonti rinnovabili in Messico, Costa Rica, Guatemala, Panama, Cile e Brasile, per una capacità installata totale ad oggi di 1080 MW che consente al Gruppo di essere uno dei leader del Continente nel settore delle rinnovabili.

"Quest'accordo getta le basi per un lavoro comune su due aspetti importanti del settore energetico. Da un lato ci consente di esplorare in Messico le opportunità di investimento nella geotermia, una risorsa presente in abbondanza nel Paese. Un altro aspetto dell'accordo prevede lo sviluppo tecnologico nella distribuzione dell'elettricità con sistemi volti a migliorarne l'efficienza e la qualità del servizi, realizzando inoltre risparmi per i consumatori" ha spiegato Conti. "Ad oggi in Messico - ha aggiunto - sono stati sfruttati solo 800 Mw da fonte geotermica su un potenziale di oltre 10 mila Mw ed esistono gli spazi per farlo. Noi siamo leader mondiali in questo settore, nel quale potremo contribuire con la nostra esperienza e il nostro know-how". Enel è il primo partner straniero con cui il Messico sigla un accordo nel settore energetico da quando è stata approvata la nuova riforma energetica nel paese. "E' una grande riforma - sostiene l'Ad di Enel - ed un passo importante verso la modernità, oltre a rappresentare un segno di attenzione verso una generazione più efficiente ed un miglior utilizzo delle risorse del Paese. In aggiunta, l'apertura ai mercati rappresenta una risorsa anche per tutti i consumatori".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA