Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Clima > Alluvione Genova: Renzi,opere bloccate, è sconcertante

Alluvione Genova: Renzi,opere bloccate, è sconcertante

Ma non è detto che unica causa di ciò che è accaduto

13 ottobre, 09:49
Alluvione Genova: Doria,Bisagno ha superato livelli del 2011 Alluvione Genova: Doria,Bisagno ha superato livelli del 2011

"Il governo ha messo al centro il dissesto idrogeologico. Purtroppo in tante vicende emergono fenomeni difficili e sconcertanti ad esempio il fatto che le opere pubbliche siano bloccate dalla burocrazia". Lo dice Matteo Renzi, che aggiunge: "Ma non è detto che sia stata la mancanza di quell'opera pubblica l'unica causa di ciò che è accaduto". "A Genova - spiega - c'era stato un ricorso e il cantiere era bloccato anche per questo". Ma sulle cause dei danni "non traiamo conclusioni affrettate, che dovranno spettare agli organi competenti, a partire dalla magistratura"


Alluvione Genova: un morto, polemiche su allerta
"Da lunedì - continua il premier -  la discussione deve essere su come sblocchiamo le norme perché non è possibile che ci siano situazioni di difficoltà anche in alcuni casi legate ai danni della burocrazia. Se il problema non è solo l'acqua ma è anche la mancanza di opere pubbliche perché ci sono finanziamenti ma ci sono ricorsi al tar allora bisogna cambiare qualcosa a livello di norme".

Un morto, danni alla città e ai privati, scuole chiuse, palazzine evacuate. E un'allerta 2, il massimo livello di attenzione per la Liguria, emanato dopo 12 ore dall'inizio dei grandi temporali. Genova ancora una volta è prigioniera dell'acqua, del fango e delle polemiche per una allerta che è arrivata 12 ore dopo l'esondazioni dei torrenti. Dopo una nottata di piogge così intense che hanno colmato strade, torrenti e reso inutili le corse dell'uomo, continua a piovere. Per l'Arpal, che partecipa al Coc convocato ieri pomeriggio dal Comune di Genova, "non siamo usciti dall'emergenza". Perché i temporali, di quelli che i meteorologi definiscono 'autorigeneranti', non danno tregua. E la Protezione Civile ha emanato un'allerta 2 fino a mezzanotte.

Ieri sera, tra le 22 e le 23 sono caduti 150 mm d'acqua su un terreno ormai saturo. Oggi, 25 mm in un'ora e gli intervalli di tempo, tra un acquazzone e l'altro, si fanno sempre più stretti. Il Bisagno, che ha invaso un intero quartiere spazzando via uomini e cose, cresce ancora ma per adesso resta dentro gli argini. Anche il rio Fereggiano, la cui esondazione nel 2011 provocò sei morti, "sta reagendo - dice l'Arpal - ma resta sotto la fascia critica". E come sempre, allentata l'angoscia della notte, iniziano le polemiche.

Perché non è stato emanato subito l'Allerta 2? Risponde l'assessore regionale alla protezione civile Raffaella Paita: "L'allerta meteo per l'alluvione di Genova non è stata data perché le valutazioni dell'Arpal basate su modelli matematici non hanno segnalato l'allarme". E il sindaco Marco Doria: "C'è un sistema di protezione civile, di cui fa parte anche il Comune, per il quale spetta al Comune mettere in atto le procedure previste dai diversi livelli di allerta". Ma "stiamo ai fatti: l'allerta - dice Doria - non è stata emanata".

La procura intanto ha aperto un fascicolo ipotizzando il reato di omicidio colposo per la morte di Antonio Campanella, l'infermiere genovese di 57 anni morto durante l'esondazione del Bisagno a Borgo Incrociati. Un atto dovuto, dicono in procura a Genova, la stessa dove è aperto un processo all'ex sindaco Vincenzi e a alcuni ex rappresentanti della protezione civile e del Comune per l'alluvione del 2011 che fece sei morti. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA