Chiesa di San Cataldo

Palermo - Edificio di culto

La Chiesa di San Cataldo è affidata all'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Fondato da Maione di Bari tra il 1154 e il 1160, l'edificio fu poi affidato ai benedettini di Monreale fino al 1787. Nel 1882, dopo varie vicissitudini, l'edificio fu interamente restaurato da Giuseppe Patricolo. La Chiesa di San Cataldo è uno dei simboli di Palermo. È probabile che abbia mantenuto la configurazione originale fino alla fine del XVII secolo, quando l’Arcivescovo di Monreale Giovanni Roano ne promosse restauro e abbellimento. All’inizio del XIX secolo, la Chiesa fu adibita a sede della Regia Posta. Tra il 1882 e il 1885, Giuseppe Patricolo intraprese un’azione di totale ripristino stilistico dell’opera. I lavori furono completati col rivestimento delle cupole in intonaco di colore rosso scuro. La complessa e radicale opera di restauro ha portato la Chiesa all'attuale configurazione, più pulita e libera dalle costruzioni annesse. La pavimentazione a tarsie marmoree e lastre di porfido e serpentino è una stanzialmente della conformazione originaria.



Piazza Bellini, Palermo

+39.0917827390