Archivio di Stato di Torino

Torino - Archivio

L’Archivio di Stato di Torino si articola in quattro sezioni. L'originario Tesoro di Carte dei Conti di Savoia risale al XII secolo. Conservato in età medievale a Chambéry, dal 1416 l’Archivio della dinastia sabauda si divise in due, con una sezione destinata a conservare i titoli e i documenti politicamente e giuridicamente più importanti per la dinastia. L’Archivio attuale ha due sedi: quella originaria di Piazza Castello (Sezione Corte) e quella di Via Piave (Sezioni Riunite). Il Museo fu istituito nel 1873 per realizzare un preciso disegno politico e ideologico, la celebrazione delle glorie dinastiche di casa Savoia e l’esaltazione del progetto politico culminato nella costituzione dello Stato unitario: un percorso in cui l’istituzione di un nesso profondo tra passato e presente fungeva da elemento di legittimazione della nuova identità nazionale. L’importante complesso bibliotecario dell’Archivio di Stato di Torino si compone di tre grossi nuclei: la Biblioteca Antica, il cui nucleo proviene direttamente dalle antiche collezioni ducali, che custodisce volumi manoscritti e a stampa dal Medioevo al 1800; il complesso della Biblioteca Nuova, che comprende volumi stampati tra il 1800 e gli anni Trenta del secolo scorso; la Biblioteca Corrente, costituita da volumi stampati dal 1945 a oggi. L'Archivio organizza eventi, attività didattiche ed è sede della Scuola Superiore di Archivistica, Paleografia e Diplomatica. 

Info:

La consultazione dei volumi (senza prestito esterno), sia antichi sia moderni, è possibile su richiesta.

Orario Sale Studio:

Dal lunedì al venerdì 8:30/18:30; sabato 8:30/14:00



Piazza Castello, 209, Torino

Telefono:

Costo:
Riduzioni:
Orario: