Maltese, lotta contro Pfas sia europea

Ricevuto al Pe gruppo attivisti veneti, 'azzerare limiti in Ue'

(ANSA) - BRUXELLES, 19 GIU - Quella contro l'inquinamento delle acque causato dai Pfas, composti chimici utilizzati nell'industria, "è una lotta molto importante per la regione Veneto, per il nostro paese e per tutta l'Ue, dove si sta cercando di ridiscutere certi modelli di sviluppo". Così l'eurodeputato Curzio Maltese (Gue), che insieme alla compagna di partito Eleonora Forenza ha accolto al Parlamento europeo un gruppo di attivisti veneti 'No Pfas'. Al centro delle polemiche ci sono delle sostanze usate, ad esempio, per fabbricare padelle antiaderenti o giacche impermeabili, la cui concentrazione nelle acque di alcune zone del Veneto ha raggiunto livelli allarmanti.
    "Numerosi studi hanno dimostrato una correlazione fra alti livelli di Pfas nel sangue e l'aumento di alcuni tipi di tumore, malattie tiroidee, patologie cardiovascolari, ma anche problemi durante la gravidanza", ha spiegato l'attivista Laura Facciolo. "Quello che sta accadendo non è diverso da ciò che è successo con altre sostanze come l'amianto - ha dichiarato Maltese - per anni si è ignorato o minimizzato il danno procurato. Adesso lo si riconosce ma non c'è ancora una reazione adeguata e i limiti che la nuova direttiva europea dovrebbe imporre non sono sufficienti. Noi siamo per azzerare l'uso di queste sostanze".
    Propositi che hanno trovato il favore degli attivisti presenti, fra cui Michela Piccoli, del comitato 'Mamme no Pfas, genitori attivi zone contaminate', e Luca Cecchi, dell'Associazione Monastero del bene comune. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere