A progetto Quid 9mila euro premio Ue

Cooperativa sociale veronese promuove inclusione occupazionale

(ANSA) - BRUXELLES, 07 DIC - Non ce l'ha fatta a portare a casa il primo premio, ma riceverà comunque l'assegno da 9mila euro riservato agli altri 4 finalisti del premio per la società civile del Comitato economico e sociale europeo (Cese). Il progetto della Cooperativa sociale veronese Quid, che promuove l'occupazione e l'inclusione sociale ai gruppi più vulnerabili della società, era stato selezionato fra i migliori candidati del riconoscimento europeo, quest'anno dedicato alla lotta all'esclusione occupazionale. Il 70% degli 80 dipendenti della cooperativa veronese proviene infatti da contesti socialmente vulnerabili, ma i prodotti realizzati da Quid presentano anche una dimensione ambientale: le materie prime utilizzate provengono da enormi quantità di tessuti di fine-serie della produzione industriale. "La tradizione della moda in Italia non è né inclusiva né rispettosa dell'ambiente, Progetto Quid offre una soluzione unica a un duplice problema, creando moda etica e dando lavoro a persone socialmente svantaggiate. La visibilità che questo premio ci offre ci darà la possibilità di raggiungere un numero molto maggiore di persone", commenta Giulia Kathleen Houston a nome di Progetto Quid. Il primo premio da 14mila euro è andato al progetto tedesco 'Discovering hands', che sfrutta lo spiccato senso del tatto di donne non vedenti o ipovedenti per individuare precocemente il cancro al seno. I cinque finalisti sono stati scelti tra oltre 100 candidature provenienti da 25 Paesi dell'Ue.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

COS.IDRA. srl

La crisi del settore edilizio: come uscirne indenni?

COS.IDRA. srl, azienda padovana leader nella realizzazione di fondazioni e opere idrauliche, non ha dubbi: “Credibilità, investimenti e welfare aziendale”


null

Tagliare con l’acqua, con Sirio si può

“Siamo artigiani ma anche persone che hanno sempre voluto sperimentare, grazie a questo siamo cresciuti”, dicono dalla famiglia Castellan


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere