A progetto Quid 9mila euro premio Ue

Cooperativa sociale veronese promuove inclusione occupazionale

(ANSA) - BRUXELLES, 07 DIC - Non ce l'ha fatta a portare a casa il primo premio, ma riceverà comunque l'assegno da 9mila euro riservato agli altri 4 finalisti del premio per la società civile del Comitato economico e sociale europeo (Cese). Il progetto della Cooperativa sociale veronese Quid, che promuove l'occupazione e l'inclusione sociale ai gruppi più vulnerabili della società, era stato selezionato fra i migliori candidati del riconoscimento europeo, quest'anno dedicato alla lotta all'esclusione occupazionale. Il 70% degli 80 dipendenti della cooperativa veronese proviene infatti da contesti socialmente vulnerabili, ma i prodotti realizzati da Quid presentano anche una dimensione ambientale: le materie prime utilizzate provengono da enormi quantità di tessuti di fine-serie della produzione industriale. "La tradizione della moda in Italia non è né inclusiva né rispettosa dell'ambiente, Progetto Quid offre una soluzione unica a un duplice problema, creando moda etica e dando lavoro a persone socialmente svantaggiate. La visibilità che questo premio ci offre ci darà la possibilità di raggiungere un numero molto maggiore di persone", commenta Giulia Kathleen Houston a nome di Progetto Quid. Il primo premio da 14mila euro è andato al progetto tedesco 'Discovering hands', che sfrutta lo spiccato senso del tatto di donne non vedenti o ipovedenti per individuare precocemente il cancro al seno. I cinque finalisti sono stati scelti tra oltre 100 candidature provenienti da 25 Paesi dell'Ue.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Claudio Barbierato - Nicolé Traslochi

Una nuova immagine per Nicolè Traslochi e l’obiettivo di regolarizzare il mercato

L’azienda di Mestre, regina del settore, cambia pelle e si rinnova al passo con i tempi per consolidarsi a livello internazionale


Lenzia e Nicoletta Mondin - MM Lampadari

MM Lampadari illumina il Museo del Presidente di Astana (Kazakistan)

L’azienda trevigiana ha realizzato un’imponente opera di illuminazione per il nuovo Museo Kazako


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere