Zaia, io conosco solo la rivoluzione della democrazia

Governatore veneto, chi legge diversamente è in malafede

(ANSA) - VENEZIA, 31 AGO - "Chi mi conosce sa che quando parlo di rivoluzione io intendo la rivoluzione della democrazia, quel cambiamento, anche epocale, che viene dalla forza delle idee e dall'impegno politico. Se qualcuno pensa che io mi possa riferire alla iconografia e alla pratica della rivoluzione violenta e cruenta, o non conosce la mia storia politica, o è in malafede". Lo dice il governatore del Veneto, Luca Zaia, tornando sulle affermazioni fatte ieri sera alla festa della Lega a Conselve (Padova), dove tra la base del partito dice di aver trovato, a proposito del nuovo governo, "un clima di preoccupazione e di sdegno". "A chi mi ascoltava - spiega - ho detto che è il momento di scaldare i motori per tornare sulle piazze con il gazebo, insieme ai cittadini; la nostra unica forza è sempre stata quella di essere a fianco della gente. Il mio non è un messaggio sovversivo o una chiamata alle armi. Se uso questo termine, intendo una rivoluzione gandiana, non violenta".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere