Caldo: +20% pronto soccorso, no vittime

Aumento patologie per caldo e afa, attivo numero verde emergenza

(ANSA) - VENEZIA, 9 AGO - Netto incremento degli accessi a Pronto soccorso in Veneto nella prima settimana di agosto, con picchi del 18-20% in più nell'Ulss costiera del Veneto Orientale e del 19% nell'Ulss 6 Euganea di Padova.
    Una prima ricognizione effettuata dal Centro regionale per l'Emergenza e l'urgenza della sanità veneta nelle settimane più calde dell'estate 2018 evidenzia un aumento degli accessi per sintomi e patologie che appaiono correlate al gran caldo e all'afa di questi giorni, con problemi per le persone più fragili, anziani, malati cronici e bambini.
    "Non risultano comunque decessi, al momento, per colpi di calore", precisa Gianna Vettore, responsabile del coordinamento regionale dei Pronto Soccorso e dei servizi di emergenza (Creu).
    Due sono i ricoveri per ipertermia rilevati al pronto soccorso di Verona, lavoratori all'aperto, vittime del classico colpo di calore. Tra gli effetti collaterali registrati vi è anche l'aumento di broncopolmoniti, a causa degli sbalzi improvvisi di temperatura tra ambienti.
    Sino a metà settembre è attivo in Veneto il numero verde 800 462 340 per l'emergenza caldo, realizzato dalla Regione con la collaborazione del Servizio Telesoccorso e Telecontrollo, e il servizio di reperibilità al numero verde 800 990 009 per la segnalazione di eventuali emergenze di competenza della Sezione Protezione Civile. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere